Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Tremonti (Ministro Economia) - osservazioni sull’ economia e sull’ energia nucleare

23 Marzo 2011 di Amministratore

Il 19 marzo 2011 il Ministro dell’ Economia Giulio Tremonti, in occasione della chiusura del “Forum Confcommercio 2011″ a Cernobbio (Como), ha fatto alcuni osservazioni a riguardo dell’ economia, con riferimento anche all’ energia nucleare.

Il discorso del Ministro Giulio Tremonti ha toccato diversi argomenti mettendo in correlazione la crisi economica internazionale, le rivolte pro-democrazia nei paesi arabi, le rivolta del pane nei paesi poveri.

Nella parte finale il Ministro Tremonti ha fatto riferimento all’ energia in senso piĂą generale, soffermandosi poi sull’ energia nucleare ed i suoi riflessi sul PIL.: la presenza o l’assenza del nucleare incide sul PIL di un Paese, con riferimento alle conseguenze del “differenziale nucleare” (calcolato nel PIL dei Paesi che fanno uso di energia nucleare) e del “debito atomico” (non calcolato nel PIL dei Paesi che fanno uso di energia nucleare).

Si riportano alcuni passaggi del discorso del Ministro Tremonti (trascrizione non letterale, ma cercando di dare una forma scritta corretta alle frasi pronunciate):

- bisogna riflettere e discutere [sul nucleare].

- fate il calcolo del PIL italiano: se consideri il differenziale nucleare, tu vedi che l’ Italia è crrsciuta piĂą di altri paesi.

- considerate che importare energia vuol dire sbilanciare la bilancia ed abbattere il PIL.

- fate il conto che gli altri non avessero il nucleare, allora vedi che il PIL va ricalcolato: il differenziale nucleare è fondamentale come bilancia come PIL

- voi pensate che nel calcolo [del PIL] di chi ha il nucleare viene considerato [anche] il costo del decommissioning? assolutamente no!
e quello non è un calcolo di un fattore rischio assicurativo: quello è una certezza.

- fate il calcolo del PIL dei paesi che hanno il nucleare mettendoci dentro anche i costi del decommissioning: vedete che molti paesi cha hanno un PIL maggiore del nostro, vanno indietro rispetto al nostro PIL.

- questo per dire che c’è il debito pubblico, c’è il debito privato ma c’è anche il debito atomico da calcolare. e questo non vuol dire essere pro o contro, ma vuol dire fare un ragionamento che valuta la realtĂ .

- fare Euro-Bond per finanziare forme di energie alternative.

E’ possibile vedere ed ascoltare l’ intervento del Ministro dell’ Economia Giulio Tremonti al “Forum Confcommercio” a Cernobbio (Como) in data 19 marzo 2011.



Articoli approssimativamente correlati

  • Tremonti confermerĂ  Bolognini e Carlo Jean?
  • Espresso - tentazione nucleare e sorpasso atomico
  • Convegno a Roma “Un patto energetico per l’Italia” dell’ Aspen Institute Italia
  • Alstom mira ad entrare in Areva
  • Iran - Giornata nazionale della tecnologia nucleare
  • 16 Commenti a “ Tremonti (Ministro Economia) - osservazioni sull’ economia e sull’ energia nucleare”

    1. Ing. Vincenzo Romanello scrive:

      Sul debito da decommissioning non concordo affatto: per capire il perchè basti leggere l’articolo che abbiamo pubblicato dal titolo “I veri costi dell’energia nucleare” (che si può trovare, tra l’altro, nel file zippato qui: http://www.nuclearmeeting.com/forum/showthread.php?tid=71).

    2. Renzo Riva scrive:

      Le considerazioni dei politici sono solo strumentali a scopi inconfessabili.
      E’ la solita partita fra chi è piĂą furbo.
      L’esternazione di Napolitano sulla giusta considerazione da dare alle energie rinnovabili che nel settore ha creato 120.000 posti di lavoro allora?
      Dei millantatori e, talvolta, per ignobili scopi.

    3. Don Peppone scrive:

      Secondo me state interpretando male le parole di Tremonti.
      Lui si riferisce al modo di come viene calcolato il PIL di una nazione e quindi si immagina una nazione che utilizza l’energia nucleare rispetto ad una nazione che non utilizza energia nucleare.

    4. Davidex scrive:

      dunque ? non vedo cosa centri questo con la nostra situazione ? NOn vorrĂ  mica sostenere che il nostro PIL sia piĂą alto senza energia nucleare adesso (cioè un mese fa diceva esattamente il contrario)? Un giorno pronucleare, il giorno dopo forse meglio senza.. quasi quasi adesso dirĂ  che ci abbiamo guadagnato economicamente a spegnerle un po’ prima della loro vita utile negli anni 80 (abbiamo portato avanti il. decommissioning!). E perchĂ© non chiudere anche le strade che tanto ci costa tenerle pulite?
      (Seguendo il nuovo metodo del calcolo del PIL di Tremonti l’Africa svetta in cima alla classifica, non hanno nessuna spesa di decommissioning nucleare lì.) Tremonti sta chiaramente delirando. Quello che conta è il margine su un investimento e i costi di decommissionng sono tenuti in conto da chi li sa fare. Ma infatti questi conti è meglio che li lasci fare a chi l’energia la produce e sa calcolare cosa conviene e cosa no. Lui si preoccupi di non sbarrare la strada agli altri che hanno voglia di lavorare; poi come molti altri italiani può tornare a blaterare quanto vuole che qualcuno che l’ascolterĂ  si trova sempre.
      Che cosa crede che ci sia da riflettere ancora? Il nucleare ci serve subito, non da oggi, ma da ieri.

    5. Don Peppone scrive:

      Il pil è il valore di mercato di tutti i beni e servizi finali prodotti in un paese in un dato periodo di tempo. Quindi se importo meno materie prime a parità di output dà come risultato un maggiore pil.

      Non sostiene che il pil italiano sia piu’ alto senza energia nucleare ma, che sottraendo agli altri paesi che hanno energia nucleare il differenziale nucleare (vedi sopra), la crescita italiana è piu’ alta.

      Si è pero’ dimenticato che i principali paesi produttori di energia nucleare sono anche i principali paesi produttori di petrolio.

    6. Don Peppone scrive:

      errata corrige

      dove è scritto produttori di petrolio sostituire con consumatori di petrolio

    7. Pimby scrive:

      Oggi Tremonti ha riparlato brevemente sull’argomento:

      http://www.youtube.com/watch?v=xgSpSmo2uYo

      Il punto preciso si trova dopo 8′50″.

    8. davidex scrive:

      Grazie Pimby per il video. Dimostra quanto le notizie riportate dai giornalisti siano sempre un po’ troppo nette, anzi totalmente stravolte, mentre quelle dei politici abbiano significati ambivalenti. Seguendo il discorso del ministro, dalle sue parole, lui non dice che ha paura del nucleare quando la giornalista glielo chiede e anzi dice che abbiamo ancora un grosso debito da decommissioning. Anzi Tremonti dice (min 10:53) che se noi avessimo il nucleare avremmo un tasso di crescita molto piĂą elevato (bravo!), anche se poi aggiunge immediatamente dopo che però gli altri paesi non conteggiano il costo del decommissionig (bah): quindi sempre una posizione un po’ ambigua. Daltronde non poteva dire che l’Italia è indietro rispetto agli altri paesi che hanno il nucleare, visto che al ministero dell’economia cì è seduto proprio lui: sarebbe stato un po’ come screditare il proprio lavoro. Queste persone iniziarono a parlare di nucleare nel 2004 (Berlusconi e la famosa prima pietra), siamo al 2011 e ancora vanno avanti a parlarne senza avere fatto poi molto. Ora capisco l’incidente in Giappone, ma chissene frega, se un aereo cade non è che non salgo piĂą su un aereo. Il nucleare ci serve e non abbiamo altre strade, a meno di voler andare in giro a raccattare il petrolio da ogni buco della terra con l’ultimo soldato rimasto.

    9. linuser scrive:

      Un’analisi in tema di costi e i benefici ( che erano ) del nucleare : aspoitalia.blogspot.com/2011/03/combustibile-nucleare-mox-ov...

      “…Si dĂ  il caso che gli USA, il Regno Unito, la Russia e la Francia possiedano uno stock notevole di plutonio sotto forma chimica di biossido (PuO2). Bisogna ricordare che il plutonio è l’elemento ideale per realizzare le bombe atomiche, cosiddette tattiche, cioè quelle montate sui proiettili d’artiglieria e sulle testate dei missili. Durante il periodo della guerra fredda, c’è stata una corsa ad estrarre il plutonio (che non esiste in natura) dagli elementi di combustibile bruciato nei reattori nucleari. I vari governi, oltre a produrre direttamente il plutonio in appositi reattori militari detti plutonigeni, hanno comprato dai gestori dei reattori nucleari “pacifici” tutto il plutonio che essi producevano alla bella cifra di circa 30 $/g ($ 1960). Per inciso, questa circostanza ha fatto diventare in quegli anni il kWh elettrico quasi come fosse un byproduct dei reattori ed ha creato la leggenda dell’energia nucleare a “così basso costo da non poterlo misurare” (Lewis Strauss, Discorso all’Associazione Nazionale USA degli Scrittori Scientifici, New York 16/9/1954). “

    10. Pietruccio scrive:

      x linuser

      Quando parlavo di certi fisici qui

      archivionucleare.com/index.php/2011/03/16/reattori-bwr-incid...

      mi riferivo appunto a quelli stile ASPO.

      In particolare nell’articolo che citi ci sono molti errori: è chiaro che quel signore (esperto in rinnovabili) ne sa ben poco di come funzionano le centrali atomiche e continua a mischiare aspetti militari con quelli del nucleare civile.

      Il perchè non sia la stessa cosa l’abbiamo spiegato tante vollte: non serve fare un corso di ingegneria nucleare basta leggere un po’ gli interventi su questo sito (qui ci sono anche le percentuali di uranio arricchito e non e quelle di plutonio e il fatto che il plutonio non viene “arricchito”, e quello delle centrali non può essere utilizzato per le bombe - che con quello non funzionano - e che riprocessare il combustibile è molto meglio che usare il metodo Once Through ( http://www.nuceng.ca/sner/fuelcycl2.pdf ), ecc… - tutte cose che quel signore ha “toppato” clamorosamente. Il resto che dice sarĂ  vero?)

    11. Pietruccio scrive:

      Qui i riferimenti per chi fosse interessato al riprocessamento

      http://world-nuclear.org/info/inf69.html

      http://world-nuclear.org/info/inf15.html

      http://world-nuclear.org/info/inf29.html

      http://world-nuclear.org/info/inf13.html

      http://world-nuclear.org/info/inf03.html

    12. linuser scrive:

      @Pietruccio

      IL punto è che - personalmente - non ci leggo ” con le quantitĂ  minime di plutonio prodotte negli impianti nucleari civili si può costruire l’atomica ” , ma ” i governi pagavano 30$/g il plutonio prodotto negli impianti nucleari civili ” … punto. Il che sottintende o dovrebbe sottintendere che ci pensavano i governi ad estrarlo/renderlo idoneo per scopi militari nei loro impianti di riprocessamento. E la cosa mi sembra dannatamente logica visto che era l’epoca della corsa agli armamenti e ogni grammo di plutonio era oro per i contendenti.

      Magari è un discorso un po’ troppo da dietrologo della prima ora , ma questa visione calza a pennello , a mio parere , con la convenienza che i governi delle super potenze avevano nell’incentivare l’installazione di reattori nucleari civili nelle proprie zone di influenza fornendo loro anche la materia prima.

      Probabilmente anche la situazione descritta in questo cable dell’ambasciata americana e diffuso dal sito Wikileaks , potrebbe essere un ulteriore “prodotto” di questa collaborazione incentivata : http://213.251.145.96/cable/2006/02/06ROME439.html

      “BEGIN TEXT OF INFORMAL EMBASSY TRANSLATION

      2. (C) Dear Mister Ambassador,
      I am writing you to call your attention to an issue about
      which your embassy has probably already informed you. It is
      a very important issue for the (Italian) government even from
      the psychological point of view. We will soon be sending our
      nuclear waste currently stored in Piedmont and Emilia Romagna
      to France. The spent fuel will remain in France until 2025
      at least, when Italy should have its own nuclear waste
      storage site. This is causing protests in the South. In
      fact, sixty-four thorium-uranium bars of spent fuel are
      stored in the ITREC (Trisaia Research Center) site at
      Rotondella (in the province of Matera), and these bars cannot
      be reprocessed in Europe. These came to Italy from the U.S.
      Elk River Plant in 1970, during a joint project, which was
      later abandoned, between CNEN (now ENEA - the Agency for New
      Technologies, Energy and the Environment) and the AEC (Atomic
      Energy Commission) (now DOE). Hundreds of such bars (which
      contain uranium-235 at 93% and even up to 95% when combined
      with thorium, are currently stored at the U.S. Savannah River
      site.

      3. (C) We have asked the U.S. authorities (the President
      and DOE) to bring to that site also the few bars stored at
      Rotondella, which are contained in two casks made according
      to U.S. requirements for storage and transport. Italy will
      provide full funding for the operation. As you can see, it
      is a small thing. But if the practical issue is painless,
      the psychological and thus political impact is the opposite.
      The issue has been used already by local and national
      opposition forces, which state that the Berlusconi government
      supports the north more than the south.

      4. (C) On November 9, 2005, the President of SOGIN (the
      Agency for Administration of Nuclear Plants) repeated the
      same request to the Department of Energy and other embassy
      representatives, underlining that Italy needed a reply by the
      end of February. If not received by then, reasons of
      relevant opportunity - in practice, in order to avoid
      demonstrations - would force us to transfer the two casks to
      Russia for about fifty years. A company of Rosatom (formerly
      Minatom) has already shown interest in storing the two casks
      for a decidedly modest price. Given the military level of
      enriched uranium in the ITREC bars, the operation could be
      included under the Global Threat Reduction initiative, since,
      as I have said, the fuel came from a U.S. plant.

      5. (C) Being sure of your interest in this matter, I thank
      you in advance on behalf of the government, and underline
      once again that we need an answer by the end of February.
      With warm regards, //ss// Gianni Letta.
      END TEXT OF INFORMAL EMBASSY TRANSLATION.

      ….

      “PROPOSED RESPONSE FROM AMBASSADOR TO U/S LETTA
      ——————————————— -

      BEGIN PROPOSED TEXT:

      9. (C/Releasable to Italy) Dear Under Secretary Letta:

      Thank you for your letter of February 6 concerning the
      disposition of uranium-thorium spent nuclear fuel stored at
      the ITREC (Trisaia Research Center) at Rotondella, in the
      province of Matera. I have been fully briefed on the history
      of the efforts to repatriate this material, originally from
      the Elk River nuclear plant, to the Savannah River National
      Laboratory in Aiken, South Carolina.

      10. (C/Releasable to Italy) I can assure you that we
      understand the government of Italy’s pressing need to find a
      disposition path, and I have followed up carefully on this
      issue with the Department of Energy (DOE). The Office of
      Global Nuclear Material Threat Reduction of the National
      Nuclear Security Administration (NNSA) has carefully reviewed
      your request. DOE officials reviewed the matter again after
      NNSA representatives met with the President of SOGIN last
      November. And I have inquired myself. Unfortunately, there
      has been no change in the Department of Energy’s position
      that it cannot accept the Elk River material.


      Inoltre non mi sembra neanche tanto esatto affermare che dai reattori civili , non si può estrarre direttamente plutonio per scopi militari. L’India utilizzò il plutonio prodotto da un reattore sperimentale canadese precursore del CANDU per il suo primo test atomico del 1974.

      E mi sembra che questo episodio abbia suscitato non poche preoccupazioni , visto che la reazione di Carter nell’ambito del trattato di non proliferazione , fu quella di promuovere i PWR che fino a prova contraria devono essere fermati quando si cambiano le barre di combustibile , favorendo di fatto le ispezioni al contrario dei CANDU e reattori dello stesso tipo in cui la sostituzione delle barre può avvenire in qualsiasi momento senza arrestare il reattore.

    13. Pietruccio scrive:

      x linuser

      Non facciamo confusione

      “… ci pensavano i governi ad estrarlo/renderlo idoneo per scopi militari nei loro impianti di riprocessamento….”
      e’ assolutamente impossibile. O il Pu (che è una miscela di vari nuclidi) è adatto o non è adatto (e in questo caso non può essere reso “adatto”), e da un reattore ad acqua leggera non c’è verso di estrarre plutonio adatto a fare atomiche.

      Da quali reattori i governi estraevano il plutonio? Fatti una ricerca e vedrai. Se ti risulta diversamente (che estraevano Pu weapon-grade da reattori ad acqua leggera) è una bufala.

      Coi CANDU è un’altra cosa (non conosco il dettaglio della versatlitĂ  nel carico e scarico a reattore acceso necessaria per l’utilizzo mlitare - a me risulta comunque che l’india avesse prodotto il Pu per l’atomica coi reattori di ricerca - ma non sono per niente interessato agli aspetti militari), e soprattutto coi reattori plutogeni tipo Chernobyl (fatti anche da USA e altri per la produzione di plutonio militare).

      Mischiare tutto, uso militare, reattori alla Chernobyl, primi reattori di ricerca e casini vari combinati negli anni ‘60 (tipo Trisaia - Uranio di interesse militare? Reattori di ricerca? Provavano l’atomica?), con la produzione per mezzo dei reattori LWR (e in particolare gli EPR che avrebbe dovuto fare l’italia) è pura propaganda scorretta.

      Non c’è modo di estrarre Pu per ordigni nucleari dal riprocessamento del combustibile di un EPR (che non è l’uranio “depleto” come pontifica l’ASPO-man).

      Sul significato della parola “depleto”

      http://it.wikipedia.org/wiki/Uranio-235

    14. Pietruccio scrive:

      Con “Pu weapon-grade” intendo
      “…has properties that make it suitable for weapons use…”
      http://en.wikipedia.org/wiki/Weapons-grade

    15. Pimby scrive:

      Beh, siamo forse finalmente in grado di sintetizzare il controverso pensiero di Tremonti sul nucleare. Riporto qui sotto una parte di un articolo pubblicato oggi sul sito “NEWCLEAR”.

      Giulio Tremonti ha un rapporto ondivago con il nucleare civile. Il primo affondo arriva la settimana scorsa, in occasione del Forum della Confcommercio, il Ministro dell’Economia fa un distinguo secondo cui un paese con il nucleare ha un debito pubblico ma anche un “debito atomico” che va calcolato nella valutazione del PIL e nella sua bilancia commerciale. Scontando i costi del decommissioning dai PIL di nazioni con energia nucleare, questi si ridimensionerebbero e l’Italia risulterebbe con una crescita più elevata di altri paesi.
      Poi lo recupera nella trasmissione di Rai 3 “In mezz’ora”, durante l’intervista di domenica scorsa con Lucia Annunziata affermando “Se l’Italia potesse contare sull’energia atomica avremmo un tasso di crescita molto più alto di altri”.
      Due giorni dopo in un’audizione alla Camera, il ministro dell’Economia ribadisce la sua posizione: “La scelta o meno dell’energia nucleare è fondamentale. Ma allo stato attuale è difficile esprimere una posizione, dato che non si conoscono bene i costi di questa scelta, né quelli del suo abbandono”. E prosegue: “Certo è che questa scelta avrà un effetto di differenziale sulla crescita: un conto è comprare energia e un conto è non avere quella voce”. Questa pausa di sospensione è necessaria secondo Tremonti per riflettere ”sui costi delle strutture atomiche e sui costi dei rischi”.

      Che dire? Osservo innanzi tutto che Tremonti - parlando in termini esclusivamente di crescita economica e di fatturato del sistema Italia - avrebbe dovuto tener conto anche delle grandi potenzialitĂ  delle aziende che avrebbero operato nell’indotto del nucleare, con le commesse di vario tipo per la costruzione di sistemi e componenti delle centrali italiane e di quelle all’estero. Poi, da come parla dei costi di investimento e di decommissioning, sembra ignorare che questi sarebbero stati (come vedete, parlo al passato, perchè tanto ormai sappiamo, purtroppo, come andrĂ  a finire) ad esclusivo carico dell’operatore (ENEL, EDF, E.On, GdF-Suez, ecc.), il quale avrebbe deciso se investire oppure no nel nucleare in base alla propria convenienza economica.
      Tralascio qui il discorso sull’opportunitĂ  che gli operatori siano societĂ  a partecipazione pubblica (per evitare pericolose tentazioni al risparmio sulla sicurezza, come è successo in Giappone, al quale tutto il mondo nucleare dovrebbe chiedere i danni…), perchè ci porterebbe fuori tema.

    16. linuser scrive:

      - http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=151739

      Ripensare il nucleare
      Insomma, secondo il ministro “come calcoliamo e proiettiamo il debito pensionistico, cosi’ va fatto per il debito atomico, e il nostro è zero”. In Europa invece “ci sono centrali molto vecchie e vanno calcolati i rischi, cosi’ come il decommissioning”.
      Questo discorso, ha concluso “non vuol dire essere a favore o contro il nucleare” ma avviare una riflessione che “la politica deve fare”.

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali