Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Iran - Giornata nazionale della tecnologia nucleare

13 Aprile 2007 di Amministratore

Il 9 aprile si √ɬ® celebrata in Iran la “Giornata nazionale della tecnologia nucleare“. Solitamente non accenniamo spesso alla questione iraniana visto che √ɬ® un argomento poco “nucleare” e molto pi√ɬĻ “politico” (nazionalismo interno e voglia di grandezza internazionale)

Tale particolare festa (istituita dal presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad) è a ricordo della prima volta che il regime iraniano è riuscito a produrre uranio arricchito: 9 aprile 2006.

Il direttore dell’ Organizzazione iraniana per l’ energia atomica (AEOI) Reza Aqazadeh parlando dall’ impianto di Natanz (a circa 200 chilometri a sud di Teheran) ha dichiarato che le attivit√É di arricchimento dell’ uranio sono passate dalla fase di sperimentazione a quella industriale.
A dir il vero la fase industriale sembrerebbe che non sia ancora partita e partirebbe solo quando saranno installate un totale di 3.000 centrifughe a Natanz.
Ed infatti proprio presso l’ impianto di Natanz (dove si progetta di creare il cuore delle attivit√É di arricchimento dell’ uranio) attualmente sono presenti le circa 300 centrifughe in superficie a scopo di ricerca (non √ɬ® accertato in modo ufficiale il numero di centrifughe gi√É in funzione a Natanz, tuttavia si parla di un massimo di 328 unit√É , due cascate da 164 centrifughe ciascuna): numero insufficiente per poter dar vita alle attivit√É al programma atomico civile progettato dall’ Iran.
Ma l’ Iran ha dichiarato di avere in mente di installare quanto prima in totale circa 50.000 centrifughe nell’ impianto nucleare di Natanz.

Alla cerimonia presso l’ impianto di Natanz ha partecipato anche il presidente Mahmud Ahmadinejad che ha ribadito che l’ Iran pur attenendosi a tutte le clausole del Trattato di non proliferazione ha il diritto di sviluppare il suo programma atomico civile. E nei mesi scorsi l’ Iran ha ignorato tre risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ ONU in cui veniva detto di sospendere le attivit√ɬ® di arricchimento dell’ uranio.



Articoli approssimativamente correlati

  • Osservazioni del generale Jean sulla questione “nucleare” in Iran
  • Arabia Saudita - cooperazione in campo nucleare con la Russia?
  • Daniel Yergin - diversificazione nei futuri scenari energetici internazionali
  • Giornata di studio AIN 2007 - L’ opzione nucleare in Italia
  • Stima dell’ arricchimento isotopico di un campione di biglie all’ uranio (+ copia integrale rivista 21mo Secolo Scienza e Tecnologia)
  • 7 Commenti a “ Iran - Giornata nazionale della tecnologia nucleare”

    1. Enrico B. scrive:

      C’√ɬ® qualcuno che mi sa spiegare perch√ɬ®:

      1) Il Pakistan pu√ɬ≤ avere il suo ciclo del combustibile (e ce l’ha, e produce uranio arricchito…), avere ordigni nucleari, essere un regime (militare), essere sicuramente uno stato integralista…ma l’Iran no?
      2) Perch√ɬ® il mondo intero deve rispettare il trattato di non proloiferazione e poi Israele ha centinaia di testate atomiche non dichiarate e, soprattutto, l’Italia a Ghedi (BS) [base militare ITALIANA] ha 40 bombe in custodia all’esercito italiano, getite da personale italiano e al cui uso si addestrano piloti italiani con aerei italiani? Questa √ɬ® violazione del trattato, e bench√ɬ® non strettamente, anche le 50 testate ad Aviano…non sono proprio una meraviglia, visto che io ci abito vicino!
      3) L’Iran ha il petrolio…che usi quello!
      Mai frase fu pi√ɬĻ stupida: non appoggio certo politicamente l’Iran…ma secondo me la loro politica energetica √ɬ® la pi√ɬĻ lungimirante in assoluto. Energia da nucleare e enormi profitti dalla vendita all’estero di petrolio e gas. Che c’√ɬ® di strano in tutto ci√ɬ≤?
      4) Mi spiegate come possa fare la morale a chicchessia un paese (in verit√É sono due) che ha causato morte e distruzione in mezzo mondo nell’ultimo mezzo secolo?

      PS: so che ne nascer√É un dibattito incandescente, e so di essere molto provocatorio….ma meglio parlarci chiaro fin dall’inizio!

    2. Edoardo scrive:

      Sono d’accordo con te Enrico.
      Personalmente mi par giusto sottolineare il fatto che Israele ha impianti e testate atomiche, pi√ɬĻ o meno nascosti nel deserto del Negheb a sud del paese e le possiede per scopi di difesa non di attacco. Israele li ha tutti contro e deve aver armi in pi√ɬĻ per intimidire i nemici per√ɬ≤ non ha mai minacciato nessuno. Ultimamente dal dopo Sharon in poi ha dato prova di voler risolvere pacificamente la guerra con la Palestina liberando dai coloni la Cisgiornania.
      Di conseguenza, pur comprendendo la preoccupazione degli USA, non sono assolutamente contrario che l’Iran abbia la sua industria nucleare anche se preferirei che a guidare il paese ci fosse un moderato come Kathami e non uno che urla ai quattro venti che vuol cancellare Israele dalla faccia della terra.
      Per il resto sono d’accordo con quello che affermi.

    3. Ing. Vincenzo Romanello scrive:

      Dal punto di vista politico in effetti non si capisce come un pugno di nazioni possano disporre di arsenali di qualsiasi tipo e poi andare sindacare sull’armamento di altri stati (che dovrebbero essere) sovrani.
      E’ come se io avessi in casa il carroarmato e poi andassi a sindacare dal vicino che si vuole fabbricare un petardo.
      Del resto non credo ci siano dubbi che il diritto di veto costituisce una delle istituzioni pi√ɬĻ antidemocratiche che ci siano, che poi portano alcuni paesi verso il tentativo di dotarsi dell’ordigno nucleare (anche nel timore di essere invasi in maniera arbitraria).

      Comunque, vorrei riportare la discussione ad un livello tecnico.

      L’Iran potrebbe tranquillamente produrre energia nucleare senza disporre di impianti di arricchimento, semplicemente adoperando i reattori di tipo canadese (CANDU), o acquistando l’uranio arricchito dal migliore offerente (ad esempio, gli svedesi ci raccontavano che lo acquistavano dai russi o dai francesi, a seconda del prezzo…). Non ci sarebbero problemi (come non ci sono in Svezia, Germania, Svizzera, Slovenia, ecc.).

      La realt√É √ɬ® che un paese che dispone di uranio arricchito pu√ɬ≤ facilmente disporre anche di un ordigno tipo quello di Hiroshima (al contrario delle bombe al plutonio, per le bombe all’uranio basta una tecnologia industriale standard). Trattasi di un tipo di bomba ‘poco efficiente’, dal design molto superato. Ma l’importanza politica regionale acquisita da una potenza nucleare sarebbe enorme! Ecco perch√ɬ® ho dei seri dubbi sul fatto che l’Iran voglia solo produrre energia.

      Naturalmente non entro nel merito della questione se questo sia giusto o no (fermo restando il mio discorso, come si pu√ɬ≤ stare tranquilli se una nazione decide di armarsi di bombe atomiche, tanto pi√ɬĻ se strilla ai quattro venti di voler cancelare Israele, a sua volta sicuramente ben armato di testate nucleari? Quali sarebbero le conseguenze di un conflitto regionale? Preferisco non pensarci nemmeno…).

    4. Enrico B. scrive:

      Vorrei fare solo una piccola precisazione politica: Ahmadinejad non ha mai detto di voler cancellare Israele o “gli ebrei”, bens√ɬ¨ di “cancellare il regime sionista”. Spero che sia a tutti chiara la differenza, dato che anche in Iran ci sono ebrei. Non √ɬ® un discorso religioso ma politico, e io spero vivamente che sia chiara a tutti la manipolazione delle informazione operata dai mass-media (non per essere faziosi…ma il capo della Reuters pare sia un ex agente del Mossad).

      Tornando al discorso tecnico, √ɬ® vero che l’Iran potrebbe dotarsi di Candu o acquistare l’uranio dall’estero, ma √ɬ® altrettanto vero che l’indipendenza totale passa dal possesso di una propria tecnologia, e soprattutto l’Iran ha miniere di uranio: se vuole sfruttarle deve obbligatoriamente avere un ciclo del combustibile.
      Ovviamente io mi sto ponendo in un ottica ingegneristica, senza valutare le implicazioni politiche.

      PS: ma davvero qualcuno pensa che:
      1) Chi ha iniziato 2 guerre, con 1 milione di morti circa, basandosi sulle armi (false) del NIgergate e su presunti legami (smentiti dal pentagono stesso) col terrorismo, abbia qualche forma di credibilità ?
      2) Usando il buonsenso, c’√ɬ® qualche matto che voglia usare una bomba atomica per attaccare e non per difendersi, sapendo che la cosneguenza sarebbe la polverizzazione dell’intera sua nazione? Ma veramente qualcuno pensa ci√ɬ≤?

    5. gauss2 scrive:

      Io s√ɬ≤ che chi ha vinto la 2^ guerra mondiale (USA Inghilterra Francia e Russia) ha preso per se (giustamente! .. visto che ha vinto!) le tecnologie avanzate .. per quanto riguarda il nucleare l’aspetto militare e civile non √ɬ® mai stato ad appannaggio alcuno finch√ɬ® uno stato vincitore ha deciso di o inviare atomiche o di concedere la costruibilit√É a paesi che per lui sono ritenuti amici …oggi le conoscenze per un uso civile sono state da tutti quei paesi divulgate (per motivi loro .. quali mercato, soldi, politica della guerra fredda ecc).. ma per quanto riguarda la fabbricazione di arsenali o il riprocessamento di combustibile o la fabbricazione di questo non √ɬ® cos√ɬ¨! l’Iran non ha avuto l’ok per il riprocessamento e la centrifugazione da nessuno di questi paesi .. per questo √ɬ® dichiarata fuorilegge!
      se in pi√ɬĻ a livello teorico si pu√ɬ≤ dotare di atomica autonomamente .. a maggior ragione √ɬ® fuorilegge!
      questo al di l√É di un credo politico, religioso e quant’altro uno voglia!
      La seconda guerra mondiale √ɬ® finita da 50 anni .. ma molte clausole valgono ancora .. nessuno le ha cancellate .. es: l’indebitamento da piano Marshall .. pertanto ci si dovr√É attenere a queste, fino a smentita da parte della nazione/i vincitrice/i.

    6. Enrico B. scrive:

      Questo discorso leggittima la cosiddetta “risoluzione delle controversie internazionali con la forza”: infatti molti paesi non hanno n√ɬ® vinto n√ɬ® perso la guerra, perch√ɬ® non l’hanno combattuta (√ɬ® il caso dell’Iran), pertanto devono attenersi ai dettami di altri. Tali dettami non sono legati al buonsenso, pertanto un paese che fa, “aspetta e spera”?
      Oppure: l’unica prospettiva per i paesi ai quali gli “stati vincitori” (67 anni fa!!) non concedono certe cose qual’√ɬ®? >?

    7. Enrico B. scrive:

      Il messaggio precedente concludeva così:

      Oppure: l√Ę‚ā¨‚ĄĘunica prospettiva per i paesi ai quali gli √Ę‚ā¨Ňďstati vincitori√Ę‚ā¨¬Ě (67 anni fa!!) non concedono certe cose qual√Ę‚ā¨‚ĄĘ√ɬ®? “Se non me lo dai tu, me lo prendo io”?

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    ‚ÄúStriscia la Notizia‚ÄĚ - querelle sul nucleare 2

    alessandro ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Le scorie nucleari del passato programma nucleare italiano - una bomba ad orologeria da disinnescare



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali