Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Nucleare Militare

2 Novembre 2005 di vincenzo_romanello

Vorrei spendere qui qualche parola, da tecnico del settore, sulla realizzabilità di un ordigno nucleare da parte di un commando di terroristi o di un piccolo Stato.

Si parla ripetutamente negli ultimi tempi di nucleare militare e della possibilità da parte di un piccolo Stato o un commando di terroristi di realizzare un ordigno atomico.
Personalmente, pur non escludendo la realizzabilit√É di un ordigno rudimentale di rozza efficacia, ritengo comunque che i timori in questo senso siano esagerati. Certamente disponendo di materiale fissile (quale plutonio) si pu√ɬ≤ realizzare una bomba, ma molto inefficiente. Non per questo sarebbe un pericolo da sottovalutare, perch√ɬ® comunque si tratterebbe del potenziale esplosivo di almeno qualche ‘ton’, ossia qualche tonnellata di TNT, sufficiente probabilmente a distruggere un quartiere di una citt√É , per non parlare della contaminzaione radioattiva e della grandissimo impatto psicologico sulla popolazione.
Tuttavia, da un punto di vista tecnico ci sono due vie fondamentali per realizzare una bomba atomica.
La prima √ɬ® quella di ottenere dell’uranio fortemente arricchito (almeno all’80%): questo √ɬ® estremamente difficile, perch√ɬ® negli impianti nucleari convenzionali l’uranio raggiunge un arricchimento massimo del 4% circa (con cui √ɬ® assolutamente impossibile pensare ad una bomba). Nei reattori di ricerca si arriva anche al 20% circa, ma √ɬ® ancora poco per fare la bomba. Insomma bisognerebbe trafugare l’esplosivo di una bomba atomica (ovvero tutta la bomba). Cosa non facile. Bisogna dire che diverso √ɬ® il discorso per uno Stato: ottenere l’uranio arricchito √ɬ® possibile solo a patto di possedere gli impianti di arricchimento (molto molto sofisticati). Questi si basano su varie tecnologie:
- la diffusione gassosa: facendo passare l’esafluoruro di uranio gassoso attraverso una serie di filtri la parte pi√ɬĻ leggera, l’U235 fissile, diffonder√É pi√ɬĻ velocemente
- l’ultracentrifugazione gassosa: si basa sul principio che centrifugando una miscela di con pesi atomici diversi la parte pi√ɬĻ leggera, appunto l’isotopo fissile U235, si accumuler√É in corrispondenza dell’asse - naturalmente essendo la differenza di massa assolutamente minima, cio√ɬ® 3 nucleoni su 235, occorreeranno una batteria di ultracentrifughe con velocit√É di rotazione enormi, realizzate con acciai speciali - come ad esempio il maraging
-AVLIS: Atomic Vapor Laser Isotopic Separation, si basa sull’effetto che alcuni laser hanno sulla ionizzazione selettiva di alcuni atomi. Una volta i laser capaci di ottenere tale effetto erano classificati, oggi sono di pubblico dominio.

Disponendo dell’uranio arricchito realizzare una bomba √ɬ® (relativamente) semplice: bastano le normali tecniche standard per la lavorazione dei metalli: il layout pi√ɬĻ seguito √ɬ® quello ‘a cannone’, ovvero la massa √ɬ® tenuta subcritica ed innescata con un proiettile di uranio sparato al momento giusto. Il tutto ricoperto da un riflettore neutronico (ad esempio carburo di tungsteno). L’efficienza della bomba √ɬ® bassa (quella di Hiroshima era circa l’1,7%, ossia solo 1 Kg ha subito fissione nucleare, dopodici√ɬ≤ la bomba si √ɬ® disassemblata divenedo sottocritica).

Altra via √ɬ® quella di ottenere il plutonio, ma con quello dei reattori ci si fa ‘un buon incidente di criticit√É ‘, e non facilmente una bomba. Irraggiando l’uranio infatti si forma il plutonio, ma l’irraggiamento deve essere basso (1000 MWd/Tonn ad esempio), altrimenti si forma troppo plutonio 240, che rende l’esplosivo nucleare inutilizzabile. Il plutonio √ɬ® definito WG (Weapon Grade) se contiene meno del 7% di tale isotopo. La bomba al plutonio ha una efficienza molto maggiore di quella all’uranio (circa 10 volte!), ma solo a patto di riuscire a farla scoppiare, cosa molto difficile. Infatti in questo caso la vera difficolt√É √ɬ® nella realizzazione dell’elettronica veloce, della fluidodinamica nucleare e della detonica della bomba. Sono necessari mezzi molto sofisticati, quali le lenti esplosive che focalizzino l’onda esplosiva sulla sfera di plutonio, comprimendola e portandola alla criticit√É , ma per fare questo l’implosione deve essere perfettamente simmetrica. Per ottenere tale situazione sono necessarie tecnologie molto particolari, non facilmente accessibili (solo le Superpotenze ne dispongono).

Non bisogna dimenticare inoltre che perchè un Paese possa essere considerato una Potenza Nucleare, ovvero un deterrente, deve disporre dei mezzi per trasportare efficacemente la bomba, quali missili teleguidati (tipo missili da crociera Cruise), bombardieri sempre in volo (soluzione USA), sottomarini nucleari, magari di tipo stealth (soluzione russa). Tali soluzioni richiedono tecnologie avanzatissime anche in altri settori (missilistica, elettronica, informatica, materiali, ecc.).

In definitiva: il problema della proliferazione nucleare esiste e non è da sottovalutare, ed inoltre è molto difficile, operativamente, impedire ad uno Stato sovrano di condurre ricerche/esperimenti in questo settore; tuttavia non è il caso di abbandonarsi ad eccessivi allarmismi, dal momento che le Potenze Occidentali dispongono di formidabili e convincentissimi mezzi di rappresaglia (si parla ancora oggi di migliaia di testate nucleari su missili balistici intercontinentali con la possibilità di colpire il bersaglio con un errore di massimo qualche centinaio di metri).
Naturalmente il discorso è molto complesso e qui è stato trattato in maniera molto schematica solo al fine di fornire un quadro molto generale.

Ing. Vincenzo Romanello



Articoli approssimativamente correlati

  • PPI Toulon 2007 - esercitazione di sicurezza civile e militare
  • Osservazioni del generale Jean sulla questione “nucleare” in Iran
  • Ad Aviano ci sono testate nucleari?
  • La Maddalena (Sardegna) - a breve la riconversione?
  • Corea del Nord - demolizione della torre di raffreddamento dell’ impianto di Yongbyon
  • 3 Commenti a “ Nucleare Militare”

    1. Davide Cavacece scrive:

      Articolo molto interessante! Unica aggiunta che mi verrebbe da fare al discorso √ɬ® che i Terroristi possono procurarsi delle micro bombe atomiche di qualche Kilotone. Esse furono costruite sia dalla Russia che dall’ America e servivano per abbattere ponti o strutture strategiche, con danni e contaminazioni -limitate- per via delle truppe sparse nel campo di battaglia. Si chiamano esattamente Special Atomic Demolition Munition (SADM). Queste mini bombe atomiche sono state “svendute” quando la URSS √ɬ® crollata da ufficiali senza scrupolo pronti a raccimolare soldi ma senza preoccuparsi di sapere in che mani finivano!

      Saluti,
      Davide Cavacece
      www.nucleotek.com

    2. vincenzo_romanello scrive:

      Certamente se un gruppo di terroristi venisse in possesso di queste armi nucleari portatili sarebbe un problema abbastanza serio.
      Tuttavia non è mai stato dimostrato che questo sia avvenuto (anche se si è parlato di un centinaio di ordigni fuori controllo!). Il problema è comunque a livello di servizi segreti, non certo di scelte enrgetiche di un Paese.
      Immagino inoltre si tratterebbe di bombe al plutonio, e bisogna notare che a caua del decadimento alfa 1 Kg di plutonio (circa 0,05 litri) produce in 50 anni circa 0,2 litri di gas elio, che porta ad un notevole autodanneggiamento assieme al radiation damage - vedere mia tesi, disponibile liberamente online, a pagina 5-12:

      etd.adm.unipi.it/theses/available/etd-10152003-181233/

      Probabilmente alcuni di questi ordigni, che richiedono una certa manutenzione, oggi hanno perso parte della loro efficienza (ammesso che ancora possano esplodere). Naturalmente la guardia deve essere sempre molto alta su questi argomenti, ma con la dovuta freddezza e razionalità .

      Ing. Vincenzo Romanello

    3. Giorgio Alba scrive:

      A commento dell’articolo del “tecnico del settore”, quindi un riflessione non specialistica su aspetti tecnici e scientifici, vorrei aggiungere un riflessione.
      Quello che spesso sfugge √ɬ® che, Stato o terroristi, vedono nell’arma atomica uno strumento politico e non uno strumento militare.
      Ora √ɬ® si vero che i militari richiedono una notevole precisione nell’ottenere il risultato previsto, mentre sotto l’aspetto politico e umano un’esplosione da 20Kt fallita che risulti in 2/3 Kt effettivi √ɬ®, ad esempio, un successo se riesce ad ottenere l’obiettivo strategico preposto.
      Sulla stessa linea di pensiero la Corea del Nord non ha bisogno di missili o altri mezzi di trasporto per essere una Potenza Nucleare, in quanto rappresenta anche con mezzi logistici limitati una minaccia destabilizzante inaccettabile per i vicini(Cina,Sud Corea,Giappone) e può cedere a gruppi criminali/terroristi know-how e testate nucleari mettendo a rischio i paesi lontani (USA).
      Da non sottovalutare infine che la vera minaccia nucleare che incombe su di noi oggi √ɬ® la politica e dottrina di impiego dell’attuale amministrazione Bush (che prevede un uso non-limitato dell’arma nucleare anche solo per anticipare una “possibile” minaccia di WMD) unita allo status di alta allerta (24/7/365) al lancio di oltre 3.000 armi nucleari USA/Russia.
      Questo perch√ɬ® errori di intelligence, di valutazione, di comando e controllo che possono sempre avvenire(vedasi Irak,Pakistan) potrebbero essere “stimolati” dagli stessi terroristi o da servizi segreti avversari per provocare un attacco nucleare preventivo.

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.


    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali