Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Il Centro Ricerche Casaccia ENEA compie 50 anni e i reattori TRIGA e TAPIRO vengono riavviati

22 Ottobre 2010 di Amministratore

Il 20 ottobre il Centro Ricerche Casaccia dell’ ENEA (il più grande complesso di laboratori e impianti dell’ ENEA) ha compiuto 50 anni di attività.

Il Centro Ricerche Casaccia dell’ ENEA si trova a nord di Roma (nei pressi di S. Maria di Galeria) e nacque nel 1960 quando il Governo decise di creare un grande Centro di ricerche per le applicazioni pacifiche dell’ energia nucleare, trasferendo personale e strutture del Centro di Ispra presso la Casaccia, che ospitava già alcuni laboratori del CNRN (Comitato Nazionale per le Ricerche Nucleari), e dando così vita al CNEN (Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare).
Nei primi anni ottanta, l’ interesse per energie da fonte rinnovabile porta alla trasformazione del CNEN in ENEA, con lo scopo di affiancare alla ricerca nucleare anche quella sull’ uso razionale dell’ energia e sul suo impatto ambientale.

Anche dopo l’uscita dell’ Italia dal programma nucleare e nonostante le diverse trasformazioni che sono intercorse negli ultimi decenni, la Casaccia non ha mai abbandonato la sua iniziale vocazione di luogo di eccellenza scientifica e tecnologica in ambito nucleare: in tutti questi anni ricercatori e tecnici hanno infatti continuato a lavorare all’ interno di infrastrutture di ricerca e impianti di qualificazione industriale.
Le attività tecnico-scientifiche sono focalizzate principalmente sulla ricerca e sviluppo di sistemi nucleari avanzati per impianti produttivi innovativi e per la risoluzione di problematiche di medio lungo termine legate alla disponibilità delle risorse di combustibile e alla minimizzazione dei rifiuti radioattivi a lunga vita.

In occasione della celebrazione del mezzo secolo di attività, sono stati riavviati ufficialmente e portati a criticità i due reattori di ricerca “TRIGA” e “TAPIRO”, dopo una fase di manutenzione e adeguamento tecnologico, e sono pronti per nuove attività di ricerca e sviluppo del nucleare da fissione di moderna concezione.
Questi due reattori nucleari (è bene chiarirlo):
- sono reattori di ricerca, appunto, e non si trovano in una centrale nucleare (in altre parole hanno una valenza diversa dai reattori nucleari per uso civile-commerciale che si trovano in una centrale nucleare e che sono destinati alla produzione di energia elettrica)
- non sono stati spenti dopo l’ uscita dell’ Italia dal programma nucleare (dopo l’ incidente di Chernobyl nel 1986)
- sono stati mantenuti costantemente in funzione negli ultimi anni, a parte alcune soste tecniche (ma non dovute a malfunzionamenti o problemi d’ impianto)
- le ultime soste tecniche sono state dovute per il “TRIGA” a causa di lavori di ristrutturazione del tetto dell’ edificio che custodisce il reattore (sosta di circa due anni) e per il “TAPIRO” a causa di problemi burocratici legati al rinnovo di alcune licenze di esercizio (sosta di alcuni mesi).

L’ evento si inquadra, ad ogni modo, nel rinnovato impegno dell’ ENEA nel fornire, in sintonia con le decisioni del Governo in materia energetica, sostegno tecnico e scientifico alla crescita delle capacità e delle competenze del mondo industriale nazionale.

Il reattore nucleare di ricerca TRIGA RC-1 (Training, Research, Isotopes, General Atomics - Reattore Casaccia 1) è stato realizzato nel 1960 nella versione a 100 kW nell’ ambito dell’ iniziativa USA Atoms for Peace e portato nel 1963 alla potenza di 1 MW su
progetto ENEA.
È un reattore termico a piscina, con il nocciolo sistemato all’ interno di un riflettore cilindrico di grafite, sul fondo di un contenitore di alluminio. Tale contenitore è riempito con acqua demineralizzata che funge da moderatore, mezzo refrigerante e schermo biologico. Il combustibile è costituito da elementi cilindrici in lega ternaria di Zr, H e U arricchito in U235 al 19,9%. Di conseguenza, la moderazione non è affidata soltanto all’ acqua di refrigerazione, ma anche all’ idruro di zirconio della lega, responsabile dell’ elevato coefficiente negativo pronto di temperatura. L’ asportazione della potenza termica prodotta dal nocciolo viene effettuata per circolazione naturale di acqua. L’ acqua della piscina, a cui
tale potenza viene ceduta, viene mantenuta a temperatura costante per mezzo di un apposito circuito di raffreddamento munito di scambiatori di calore e di torri di refrigerazione.

Le caratteristiche principali del reattore sono:
potenza massima: 1 MW
flusso neutronico max: 2,7 1013 n⋅cm-2⋅s-1 @ 1 MW
raffreddamento ad acqua in circolazione naturale

Il reattore nucleare di ricerca TRIGA RC-1 (Training, Research, Isotopes, General Atomics - Reattore Casaccia 1) è una sorgente di neutroni termici che può essere utilizzata per: radiografia e tomografia con neutroni; produzione di radio farmaci; irraggiamento neutronico di
materiali; qualificazione di rivelatori di neutroni; supporto alla didattica dei corsi di Ingegneria Nucleare.

Potenziali utenti: università ed enti di ricerca del settore industriale e medico, produttori di reattori e componenti nucleari, organi della Magistratura.

reattore nucleare di ricerca TRIGA RC-1 (Training, Research, Isotopes, General Atomics - Reattore Casaccia 1)

reattore nucleare di ricerca TRIGA RC-1 (Training, Research, Isotopes, General Atomics - Reattore Casaccia 1) - sezione

Il reattore nucleare di ricerca TAPIRO (TAratura PIla Rapida a potenza zerO) è stato realizzato dall’ ENEA ed è basato, come concezione generale, sull’ AFRS (Argonne Fast Source Reactor - Idaho Falls).
Il reattore ha raggiunto la sua prima criticità nel 1971 ed è stato utilizzato per l’analisi in attivazione neutronica, il danneggiamento da neutroni veloci, lo studio degli effetti biologici dei neutroni veloci, epitermici e termici ecc.

Le caratteristiche principali del reattore sono:
potenza massima: 5 kW
flusso neutronico max: 4·1012 n cm-2 s-1 @ 5 kW
riflettore in rame
raffreddamento mediante He
facilities di irraggiamento: 2 canali radiali orizzontali, 2 canali verticali, 1 canale diametrale, 1 canale tangenziale, 1 colonna termica (volume max: 1,6 m3).

Il reattore nucleare di ricerca TAPIRO (TAratura PIla Rapida a potenza zerO) è una sorgente di neutroni veloci. Può fornire una vasta gamma di spettri neutronici e può, pertanto, essere utilizzato in molti settori per: la validazione dei codici di calcolo di nocciolo impiegati nella progettazione dei reattori di IV Generazione; lo studio del danneggiamento dovuto a neutroni veloci; la sperimentazione per la produzione di dati nucleari; la valutazione del danno indotto da neutroni su componentistica esposta a campi neutronici; la qualificazione di
catene di rivelazione innovative; supporto didattico nei corsi di Ingegneria Nucleare.

Potenziali utenti: università ed enti di ricerca del settore nucleare e medico, industrie coinvolte nella realizzazione di componenti nel settore nucleare.

reattore nucleare di ricerca TAPIRO (TAratura PIla Rapida a potenza zerO)

reattore nucleare di ricerca TAPIRO (TAratura PIla Rapida a potenza zerO)



Articoli approssimativamente correlati

  • Impianto Plutonio (IPU) di Casaccia - smantellamento scatole a guanti contaminate da plutonio
  • Radiazioni ionizzanti: le grandezze in gioco
  • Scajola - il nucleare nel programma del Polo?
  • Enea e Sogin - nuove aree interne a due Centri Enea alla Sogin
  • Decreto per liquidare le compensazioni ambientali ai comuni che ospitano gli impianti nucleari italiani
  • Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali