Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



TAR Piemonte - stop smantellamento impianto Fabbricazioni Nucleari

27 Maggio 2009 di Amministratore

Il 21 maggio il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) del Piemonte ha accolto un ricorso presentato da alcuni cittadini ed associazioni contro lo smantellamento definitivo dell’ impianto Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo (in provincia di Alessandria) così come previsto dal decreto del Ministero dello Sviluppo Economico datato 27 novembre 2008.

Segue comunicato inviatoci da Lino Balza (esponente di “Medicina democratica”), uno dei portavoce e dei promotori dell’ iniziativa che ha portato a rivolgersi al TAR del Piemonte contro tale decreto.

\\\\\\

Da Alessandria una grossa vittoria di buon auspicio nella battaglia contro il nucleare in Italia. Il Tar sospende lo smantellamento dell’impianto nucleare e la costituzione del deposito di scorie radioattive. L’ordinanza del Tar del Piemonte crea un precedente nazionale per tutti i siti nucleari. Infatti lo stesso Governo aveva dichiarato apertamente che, in caso di pronuncia definitiva a favore del nostro ricorso, “l’intera strategia sin qui adottata andrebbe rivista in relazione a tutti gli impianti nucleari presenti in territorio italiano”.
Il 21 maggio, il TAR Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima), in seguito al nostro ricorso, ha pronunciato una ordinanza contro il Ministero dello sviluppo economico e l’ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale, nei confronti di SOGIN (SocietĂ  Gestione Impianti Nucleari). Nella sentenza, il Tar “accoglie l’istanza cautelare e, per l’effetto, sospende l’esecuzione del provvedimento impugnato” in quanto

Nell'indifferenza dei sindaci della provincia, ma grazie ad una entusiasmante sottoscrizione popolare (prossimamente pubblicheremo l'elenco definitivo dei sottoscrittori), tramite gli avvocati Mattia Crucioli e Adelaide Piterà, a firma di Comitati, Medicina democratica, Legambiente, Pro Natura, consiglieri regionali, è stato presentato al TAR Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte ricorso contro il Ministero dello Sviluppo Economico e l’ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, e nei confronti della SOGIN Società Gestione Impianti Nucleari SpA (ex Fabbricazioni Nucleari), per l’annullamento, previa sospensione, del decreto 27/11/2008 del Ministero stesso, eventualmente previa rimessione alla Corte Costituzionale.
Con la complicità del Comune, della Provincia e della Regione, infatti tale decreto, invece della bonifica totale del territorio, autorizzerebbe la demolizione dell’impianto di fabbricazione di combustibili nucleari di Bosco Marengo (Alessandria) e la conseguente costituzione di un deposito di rifiuti radioattivi: definito “temporaneo” ma a tempo indeterminato e in luogo assolutamente inidoneo allo scopo, cioè non sicuro.

Invece il decreto legge 314/2003 dispone che la sistemazione in sicurezza dei rifiuti radioattivi debba avvenire garantendo la protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori nonché la tutela dell’ambiente dalle radiazioni ionizzanti esclusivamente presso Deposito nazionale: da individuare in zona con assolute caratteristiche geomorfologiche e antropiche. Che non sono quelle di Bosco Marengo: non a caso manca la VIA Valutazione di Impatto Ambientale.

Si consideri, a proposito di “temporaneità”, che i tempi di decadimento radioattivo di tali rifiuti variano rispettivamente nell’ordine di alcune decine di anni (rifiuti di prima categoria), di alcune centinaia di anni (seconda categoria), di alcune migliaia di anni e oltre (terza categoria).

Il decreto del Ministero dello Sviluppo economico è illegittimo perché, in contrasto con il decreto legge 17/3/95 n. 230, non prevede la definitiva bonifica del sito di Bosco Marengo, il suo rilascio "prato verde" privo di vincoli di natura radiologica, in quanto non prevede il conferimento in ottemperanza alla legge 314 dei rifiuti al Deposito nazionale: inesistente, neppure individuato.

Dunque i materiali radioattivi già presenti a Bosco, insieme a quelli derivanti dallo smantellamento dell’impianto, verrebbero immobilizzati in una matrice cementizia collocata in fusti in acciaio e vasche di calcestruzzo armato, all’interno di locali assolutamente inidonei, ipotesi che una Valutazione di impatto ambientale escluderebbe, e rappresenterebbero, insieme alle attività di demolizione, un ulteriore e ingiustificato gravissimo e irreuperabile pericolo di tipo radiologico per l’ambiente e per la salute di Bosco Marengo e provincia di Alessandria (ex articolo 32 della Costituzione).

Perciò, oltre all’annullamento del procedimento di disattivazione, il ricorso ha chiesto, con istanza cautelare, di sospendere immediatamente l’esecuzione del procedimento impegnato. Il Tar ha accolto. Bocciando le memorie e i documenti del Governo e della Sogin, nonchè l'intervento ad opponendum della Regione Piemonte.

P.S. Il ricorso richiama la violazione in vari commi e articoli del D.L. 14/11/2003 n. 314 convertito dalla L. 24/12/2003 n. 368, in combinato disposto con la L. 23/8/2004 n. 239; del D.Lgs 17/3/95 n. 230; del D.Lgs 3/4/2006 n.152, degli artt. 3, 5, 9, 32, 97, 114, 118, 120 della Costituzione



Articoli approssimativamente correlati

  • Alberto Silvestri alla presidenza di FN - Fabbricazioni Nucleari
  • Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo - approvato decreto per lo smantellamento
  • Riepilogo di alcuni lavori di smantellamento piĂą recenti effettuati in Italia
  • Sogin - gestione del primo semestre 2009
  • Report di Rai Tre - Sogin e lo smantellamento del vecchio arsenale russo
  • 1 Commento a “ TAR Piemonte - stop smantellamento impianto Fabbricazioni Nucleari”

    1. Renzo Riva scrive:

      Chissà perché quando i Radicali Italiani ci si mettono combinano disastri.
      http://forum.radicali.it/content/nucleare-no-grazie

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali