Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Svizzera - panoramica sulla legge che regola l’ energia nucleare (LENu)

30 Maggio 2007 di Amministratore

Visto che in questi giorni si discute del “Ddl Energia” e dell’ inserimento al suo interno di un emendamento a favore del nucleare (emendamento che comunque probabilmente sar√É abrogato prima che il disegno di legge diventi legge), cogliamo l’ occasione per parlare della Svizzera e della sua legge federale del 21 marzo 2003 sull’ energia nucleare (la cosidetta “LENu”).

La cosidetta legge “LENu” √ɬ® andata a sostituire dei vecchi atti normativi svizzeri, in particolare la legge federale del 23 dicembre 1959 sull’ uso pacifico dell’ energia nucleare e il decreto federale del 6 ottobre 19782 concernente la legge sull’ energia nucleare.
Tale legge disciplina (in Svizzera) lo sfruttamento pacifico dell’ energia nucleare. Ha come scopo segnatamente la protezione dell√Ę‚ā¨‚ĄĘ uomo e dell√Ę‚ā¨‚ĄĘ ambiente dai pericoli che vi sono connessi.
Si applica ai “beni nucleari” (=materiali nucleari), agli impianti nucleari e alle scorie radioattive. Tuttavia ci sono casi che possono essere esclusi ed inoltre nella misura se la presente legge non dispone diversamente si applicano le prescrizioni della legge federale del 22 marzo 19911 sulla radioprotezione (abbreviata in “LRaP”).

Vengono definiti i principi della sicurezza nucleare, la disciplina dei beni nucleari e le modalità per la licenza, le fasi di vita degli impianti nucleari (autorizzazione, costruzione, esercizio, disattivazione), la gestione e lo smaltimento delle scorie.

Inoltre viene definita anche la partecipazione degli enti locali interessati (cantoni) che possono intervenire nella decisione concernente l’ autorizzazione attraverso consultazioni, obiezioni e opposizioni. Il tutto nell’ ottica della massima trasparenza e nel tener conto delle possibili preoccupazioni dei cittadini.

L’ iter inizia con una domanda di autorizzazione di massima che va presentata con i documenti necessari all’ Ufficio federale dell’ energia, che provvedere personalmente poi a procurarsi le perizie segnatamente relative alla protezione dell’ uomo e dell’ ambiente e allo smaltimento delle scorie radioattive.
Si prosegue con il Consiglio federale che decide sulla domanda nonch√ɬ© sulle obiezioni e opposizioni e quindi sottopone per approvazione la decisione all’ Assemblea federale.
Ed il decreto dell’ Assemblea federale concernente l’ approvazione dell’ autorizzazione sottost√É ad un referendum facoltativo.

Inoltre la legge definisce non solo chi debba vigilare (il Consiglio federale designa le autorit√É di vigilanza) ma anche viene specificato che le autorit√É di vigilanza non sottostanno a istruzioni quanto agli aspetti tecnici e sono formalmente distinte dalle autorit√É concedenti le autorizzazioni, nell’ ottica della massima trasparenza.

Viene poi stabilito un “Fondo di disattivazione e fondo di smaltimento” sia per il finanziamento della disattivazione e dello smantellamento di impianti nucleari fuori uso, nonch√ɬ© dello smaltimento delle scorie prodotte in tal modo (costi di disattivazione) sia per il finanziamento dello smaltimento delle scorie radioattive d’ esercizio e degli elementi combustibili esausti dopo la messa fuori esercizio degli impianti nucleari (costi di smaltimento).

Per approndimenti si pu√ɬ≤ consulatare anche il sito dell’ Ufficio federale dell’ energia della Svizzera.



Articoli approssimativamente correlati

  • Svizzera - scomparse tracce di radioattivit√† imputabile a Chernobyl
  • Svizzera - fattibilit√† deposito di rifiuti radioattivi?
  • Corte di Cassazione - il referendum abrogativo sul nucleare del 12-13 giugno si terr√†
  • Un disegno di legge per incrementare la produzione di energia con il ricorso al nucleare?
  • Cern - a breve accensione dell’ LHC
  • Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    ‚ÄúStriscia la Notizia‚ÄĚ - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali