Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Urbino - Metodi radiochimici per la caratterizzazione di matrici liquide ambientali, biologiche e industriali

29 Settembre 2008 di Amministratore

Dal 1 al 3 di ottobre si terrà ad Urbino il workshop “Metodi radiochimici per la caratterizzazione di matrici liquide ambientali, biologiche e industriali”.

L’ evento è organizzato dall’ Associazione Italiana di Radioprotezione (AIRP) e dal Centro di Radiochimica Applicata dell’ UniversitĂ  di Urbino.
Durante il workshop saranno presentate e discusse le tecniche più attuali di misura della radioattività nelle acque potabili, nei reflui industriali e nei fluidi biologici, con la partecipazione di esperti nazionali ed internazionali (APAT, ARPA, ENEA, IAEA, INFN, ISS, JCR, NUCLECO, SOGIN, Research Centre Juelic e diverse Università italiane) e ci si propone di promuovere un’ inversione di tendenza volta al recupero di una tradizione tecnico-scientifica che tanta parte potrebbe ancora avere nella tutela della salute pubblica.

Negli ultimi anni, infatti, alcuni temi quali il controllo della radioattività nelle acque potabili, la necessità di valutazione dei NORM e dei TENORM legati ai relativi processi produttivi, le problematiche connesse al decommissioning delle centrali nucleari, eventi eccezionali ed eclatanti come il caso Litvinenko hanno fatto rinascere interesse verso le tecniche radiochimiche ed hanno nel contempo messo in luce come, nelle ultime decadi, sia notevolmente calato in Italia il know how su queste tecniche sperimentali. Questo processo di impoverimento tecnico e culturale ha seriamente compromesso la capacità del Paese di dare risposte rapide ed autorevoli nel caso di situazioni d’emergenza e di garantire un adeguato monitoraggio ambientale. Tale impreparazione appare particolarmente grave in un’epoca in cui si profilano, oltre ai rischi tradizionali, la possibile ripresa dell’ energia nucleare in Italia nonché le minacce legate al terrorismo internazionale.

Il workshop si terrĂ  ad Urbino presso il Palazzo Battiferri (nell’ “Aula Blu”).



Articoli approssimativamente correlati

  • Sogin - bando gara servizi di trattamento e condizionamento di rifiuti radioattivi IFEC presso l’ impianto EUREX
  • Frascati - Management of radioactive waste - from Transmutation to Bioremediation
  • Sogin - collaborazione con il Battelle Memorial Institute
  • Accordo di partnership tra la Sogin e la Ukaea per il decommissioning
  • Sogin - bilancio 2011 e sintesi attivitĂ  2011
  • 3 Commenti a “ Urbino - Metodi radiochimici per la caratterizzazione di matrici liquide ambientali, biologiche e industriali”

    1. Edoardo scrive:

      Questo processo di impoverimento tecnico e culturale ha seriamente compromesso la capacità del Paese di dare risposte rapide ed autorevoli nel caso di situazioni d’emergenza e di garantire un adeguato monitoraggio ambientale.

      Andatelo a dire a tutti gli sgherri di Legambiente, Greenpeace, WWF, Italia Nostra e compagnia briscola….tutti ’sti beoti sono sempre stati convinti che l’abbandono del nucleare sia stato anche sinonimo di sviluppo tecnologico (pover’a noi!!!)

    2. Pietruccio scrive:

      INTERESSANTE INTERVENTO DI F.GUIDI CHE SOTTOSCRIVO IN PIENO
      (pare che in Italia ci sia ancora qualcuno che ragiona)

      “L’Italia deve tornare al nucleare, le imprese sono pronte a fare la loro parte ma il governo deve dialogare con l’opposizione per mettere le basi ad un accordo duraturo e accelerare perche’ dei 5 anni previsti per la posa della prima pietra, 5 mesi sono gia’ trascorsi

    3. Pietruccio scrive:

      IL CONVEGNO DI CARPI SI FA SEMPRE PIU’ INTERESSANTE

      http://www.ilriformista.it:80/stories/adnkronos/14301/
      Per D’Alema, che si dice favorevole, anche se sottolinea le difficoltĂ  di un possibile ritorno al nucleare in italia, furono i petrolieri e non gli ecologisti a condizionare le scelte sul nucleare (come dico qui da anni).

      Non condivido solo il fatto che nel suo intervento il leader tenda a scaricare le responsabilitĂ  dei verdi: sarĂ  pur vero che allora fecero solo un po’ di “facchinaggio” a interessi di ben altra portata, però hanno oggi la pesante responsabilitĂ  di continuare a porre, per la loro parte, il veto su ogni possibile apertura nei confronti dell’atomo e continuano nella loro opera di disinformazione senza rendersi minimamente conto nĂ© della situazione in cui potrebbero spingere l’Italia, nĂ©, probabilmente, a chi stanno reggendo il gioco (sono straconvinto che piĂą del 99.9999% di loro è in buona fede, sono solo male informati).

      Ho dovuto proprio ieri sera (con molta sofferenza interiore… scherzo… però, che fatica stare calmo a quella conferenza…) prendere atto degli effetti (da brivido) che in certi ambienti ha prodotto un’informazione distorta e totale in una certa direzione che ha martellato per ben vent’anni. Mah! Speriamo bene…

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali