Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Trino Vercellese - inaugurato infopoint Sogin

29 Settembre 2008 di Amministratore

Oggi 29 settembre a Trino Vercellese è stato inaugurato un “Infopoint” della Sogin con la finalitĂ  di informare sulle attivitĂ  di smantellamento della centrale nucleare “Enrico Fermi”.

Presenti all’ evento il sindaco di Trino Giovanni Ravasenga e il project manager della centrale nucleare Davide Galli.
L’ Infopoint della Sogin è ubicato in alcuni locali del municipio di Trino Vercellese.



Articoli approssimativamente correlati

  • Centrale nucleare di Trino Vercellese - rimozione turbina e prosecuzione dello smantellamento
  • Tavolo Trasparenza in Piemonte con Carlo Jean
  • I possibili costi per il riavvio della centrale nucleare di Trino Vercellese
  • Riepilogo di alcuni lavori di smantellamento piĂą recenti effettuati in Italia
  • Coordinamento tra i comuni italiani presso i quali sono presenti impianti nucleari
  • 9 Commenti a “ Trino Vercellese - inaugurato infopoint Sogin”

    1. Edoardo scrive:

      Opera inutile, dispensiosa e ridicola….Ovviamente paghiamo noi!
      Cominciassero a fare infopoint informativi sull’uso pacifico dell’energia nucleare al fine di sbugiardare tutte le stupidaggini che vengono dette di continuo riguardo al questa tecnologia.

    2. daniele scrive:

      Edoardo vuoi veramente incazzarti? Leggi cosa dice sulla SOGIN l’AutoritĂ  Elettrica nell’ultima delibera che fissa i prezzi per ottobre dicembre 2008

      Delibera che puoi scaricare a questo indirizzo

      http://www.autorita.energia.it/docs/08/138-08arg.htm

      “con deliberazione n. 353/07 l’Autorità ha dato disposizioni alla Cassa per l’erogazione di 100 milioni di euro alla Sogin, da effettuarsi entro il 15 gennaio 2008, a valere sul Conto per il finanziamento delle attività nucleari residue;”
      “con successiva deliberazione ARG/elt 38/08, l’Autorità ha dato disposizioni alla Cassa di provvedere all’erogazione di ulteriori 150 milioni di euro alla Sogin, a valere sul medesimo Conto per il finanziamento delle attività nucleari residue;”
      “le erogazioni di cui ai precedenti alinea sono state disposte a fronte delle spese straordinarie previste nel corso del 2008 per il riprocessamento all’estero del combustibile nucleare irraggiato;”

      Tra il gennaio e maggio 2008 alla SOGIN abbiamo dato - con la tassa che grava sulla bolletta elettrica - 250 milioni di euro per gestire le spese straordinarie previste per l’invio in Francia del combustibile.
      E’ bene sapere che tutta l’operazione di riprocessamento costerà 255 milioni e sarà completata tra il 2020 ed il 2025, quando ritorneranno le scorie.
      Qui le cose sono due: o si paga tutto in anticipo oppure questi soldi servono in parte anche a gestire il contratto, cioè spese straordinarie.

      Ma non è finita. Ecco come prosegue la delibera delibera RG/elt 138/08

      “a fronte di tali spese straordinarie le disponibilità finanziarie di competenza della commessa nucleare presso la Sogin non risultano adeguate a coprire i costi ordinari fino al 31 dicembre 2008, come confermato dalle previsioni contenute nelle comunicazioni del 21 maggio 2008 e 5 agosto 2008;”
      “con deliberazione ARG/elt 86/08, l’Autorità ha dato disposizioni alla Cassa per l’erogazione di 150 milioni di euro alla Sogin, da effettuarsi entro il 31 luglio 2008, a valere sul Conto per il finanziamento delle attività nucleari residue;

      Servono soldi alla SOGIN per se per finire l’anno. Altri 150 milioni.
      E siamo a 350 milioni.

      Ma non è finita Edoardo!

      “con la comunicazione 5 agosto 2008 la Sogin ha notificato che sarebbe necessaria un’ulteriore erogazione di 50 milioni di euro nel prossimo mese di ottobre; e che i dati contenuti nella suddetta comunicazione sono coerenti con le previsioni elaborate dagli uffici dell’Autorità.”

      Chiedono altri soldi!!! s. E l’Autorità li concede scrivendo

      “si ritiene opportuno:
      dare mandato alla Cassa di provvedere, entro il 31 ottobre 2008, all’erogazione alla Sogin di 50 milioni di euro, a titolo di acconto, a valere sul Conto per il finanziamento delle attività nucleari residue, di cui al comma 54.1, lettera a) del Testo integrato;”

      Siamo a 400 milioni dati tra gennaio e ottobre 2008 come acconto!!!!!

      Io sono incazzato. E tu?

      Questo il numero d itelefono del responsabile ufficio stampa AutoritĂ  con il quale ho parlato tempo fa per scrivere un articolo

      CRISTINA CORAZZA - 02-65565280

      La SOGIN! Se la conosci… la eviti.

    3. Ing. Vincenzo Romanello scrive:

      Adesso almeno gli antinuclearisti, quelli del partito del no tanto per intenderci, saranno contenti: una valanga di denaro ai francesi per prendersi il nostro plutonio (ossia un ottimo combustibile che potrebbe invece servirci) e restituirci lo scarto. Cioe’ paghiamo perche’ altri si prendano la nostra ‘benzina del futuro’. E paghiamo molto oltretutto. Siete contenti? Mi rivolgo agli accaniti antinuclearisti: se siete tanto contenti, perche’ non pagate voi?

    4. Edoardo scrive:

      Quando ripartirĂ  il nucleare in Italia, spero tanto che la Sogin sia privatizzata!…. Faccia la fine di Alitalia, tanto per intenderci.

    5. Pietruccio scrive:

      x Edoardo

      Devo ancora risponderti sul riciclo del Pu, e sul discorso terremoti… è momentaccio (anche ai post di Alessio e di Andrea M. non sono piĂą riuscito a rispondere).

      Intanto, però sono stato a una conferenza di ambientalisti dove ho visto che hanno insistito tanto su un qualche problema che dev’essere intervenuto sullo stoccaggio delle barre di combustibile esausto per via, mi pare, di una piena che, a detta loro, è arrivata a lambire il deposito (naturalmente erano tutti allarmatissimi e convinti che se l’acqua avesse raggiunto il deposito sarebbe successa una tragedia per tutta la val padana, trentino compreso). Anche Enzo citava Trino relativamente ad una presunta instabilitĂ  geologica.

      Sai mica (o hai qualche link su) cosa è successo in questi tempi a Trino per giustificare interventi di questo genere.

    6. daniele scrive:

      Edoardo

      Nel 2000 la Dora Baltea ruppe gli argini e il fiume lambì il centro Eurex che è a pochi metri dalla riva. Quel centro, oltre a essere metri sotto il livello del fiume tanto che l’acqua salì su dai tombini, è circondato da dei canali artificiali che servono a portare l’acqua della Dora nei campi vicini.
      Se hai Google Earth digita Saluggia e potrai vedere dov’Ă© l’Eurex.

      Non voglio tediarti ma c’Ă© uno stenografico parlamentare dove si spiega cosa poteva succedere ai vecchi contenitori interrati dove sono contenute circa 200 metri cubi di scorie liquide. Una fanghiglia composta da acido citrico, alluminio, mercurio e uranio - quello che resta del ritrattamento delle barre di combustibile che si faceva li - . Scorie di III grado per capirci.

      Durante quell’alluvione Trino non fu toccato perchĂ© costruito su una collina e quindi rialzato.

      Ma a Saluggia, nel centro Eurex, il rischi è stato grande.

      Per la cronaca nel centro Eurex c’Ă© un vecchi reattore, l’Avogadro, dove sono affogate svariate tonnellate di barre a pochi metri dal fiume.

      Comunque questo l’indirizzo dove trovare gli stenografici che parlano di quella alluvione
      camera.it/_dati/leg13/lavori/stencomm/08/indag/bacino_del_po...

      Di seguito lo stralcio delle dichiarazioni di Marco Fra, nel 2000 Assessore alla pianificazione territoriale della provincia di Vercelli ripreso da quei documenti.
      Il file originale è quello nominato PARTE I - da 3 a 13

      Quando si e` verificata l’alluvione del 15
      ottobre 2000 io mi occupavo di protezione
      civile. Sicuramente nella sua introduzione,
      presidente, lei e` stato molto chiaro: il
      rischio che ha corso non solo il Piemonte
      ma tutto il nord Italia per l’allocazione di
      questi due siti nucleari e` grave. Noi
      abbiamo trascorso due notti veramente
      d’angoscia: se il canale Farini, che e` uno
      dei canali che erano stati riempiti d’acqua
      dall’esondazione della Dora, avesse rotto
      cinquecento metri piu` a monte e invece di
      defluire in Dora, senza passare sull’impianto
      dell’ENEA e lambendo solamente
      una parte della SORIN, fosse passato
      direttamente sull’ENEA si sarebbe prodotto
      un disastro ambientale di dimensioni
      sicuramente non misurabili. Infatti,
      vista la quantita` di scorie, tra liquide e
      barre, e di altri materiali che sono giacenti
      in questi siti, non sappiamo fin dove
      vi sarebbe stata contaminazione. Sicuramente
      per tutta l’asta del fiume Po e forse
      anche fino all’Adriatico. Purtroppo, vedo
      che la preoccupazione di quei giorni ora
      sta diminuendo; i sindaci sono ancora
      interessati, ma, a partire dalla stampa,
      negli altri l’interesse si sta gia` smorzando.
      Abbiamo corso davvero un rischio che
      riguardava non un comune ma un’intera
      parte dell’Italia.

    7. Edoardo scrive:

      Per Pietruccio:
      Non preoccuparti, non c’e’ fretta.

      Sull’inondazione a Trino ho un articolo del Corriere (2000) ove piĂą che con la centrale, ce l’avevano con i deposito di Saluggia:

      archiviostorico.corriere.it/2000/ottobre/17/Barre_nucleari_c...

    8. Pietruccio scrive:

      Ringrazio tutti

    9. Edoardo scrive:

      Per Daniele:

      sapevo anch’io dell’impianto Avogadro… Una ragione validissma in piĂą per sbrigarsi a trovare il sito di stoccaggio definitivo nazionale…Non solo per i residui del vecchio nucleare ma anche per quello che ripartirĂ .

      Poi ognuno la pensa come vuole.

      Saluti.

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    alessandro ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Le scorie nucleari del passato programma nucleare italiano - una bomba ad orologeria da disinnescare

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Bufale nucleari - dopo Fukushima, le risposte alle domande piĂą frequenti sull' energia nucleare



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali