Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Russia - una centrale nucleare sul mare

15 Giugno 2006 di Amministratore

Su “La Repubblica” di oggi c’√® un piccolo articolo che riporta una notizia proveninte dalla Russia: costruire una centrale nucleare sul mare.

L’ inizio della costruizione dell’ impianto √® previsto per l’ anno prossimo e si prevede di farlo entrare in funzione nel 2010.
La “mini-centrale atomica flottante” sar√† in realt√† una nave senza motori e lunga 144 metri che avr√† a bordo due reattori nucleari per produrre elettricit√† per gli enormi cantieri navali Sevmash di Severodvinsk (citt√† sul del nord della Russia, vicino al mare di Barents).

La città russa di Severodvinsk è nota soprattutto per i suoi cantieri navali:
- cantieri navali Sevmash sono noti per essere i cantieri navali dove si costruisconi i famosi sottomarini russi “classe typhoon” (designazione occidentale della classe di sommergibili “Akula” - Project 941) a propulsione nucleare da 170 metri e con testate nucleari
- cantieri navali Zvezdochka sono noti perchè presso esssi si effettua lo smantellamento dei vecchi sottomarini nucleari e lo stoccaggio del combustibile nucleare della marina militare



Articoli approssimativamente correlati

  • Russia ed India - accordo per la cooperazione nucleare civile
  • Russia - malfunzionamento ad un reattore nucleare
  • Russia - una centrale nucleare su nave
  • USA e Russia - cooperazione nel nucleare civile?
  • USA - bloccato accordo di cooperazione per il nucleare civile
  • 6 Commenti a “ Russia - una centrale nucleare sul mare”

    1. Marco Calviani scrive:

      Salve,
      a proposito dei “Floating Nuclear Reactors” (secondo il CNS e l’agenzia Bellona dovrebbero essere due reattori ad acqua pressurizzata KLT-40C da 60MW (elettrici) ciascuno) che la Federazione Russa ha intenzione di realizzare, vorrei fare alcuni commenti:
      1) l’obiettivo principale di questi reattori dovrebbe essere legato alla possibilita’ di fornire elettricita’ e calore a regioni russe (come quelle del nord e del “Far East”) con infrastrutte sottosviluppate oppure a siti in cui esistono grossi siti di costruzione ma lontani da infrastrutture sviluppate gia’ esistenti. Un altro utilizzo dovrebbe essere la desalinizzazione. La natura “mobile” di questi reattori permetterebbe inoltre di poterle spostare da un luogo all’altro a seguito di disastri naturali. (fonte CNS (cns.miis.edu))
      2) Uno dei problemi che questo tipo di reattori potrebbe avere e’ legato al tipo di combustibile che dovrebbe essere impiegato: al contrario dei reattori di potenza (commerciali), che utilizzano uranio arricchito al 3% (circa), le floating plants avrebbero un arricchimento al 20% (oppure superiore), che potrebbe contribuire ad incrementare la proliferazione di materiale fissile, se questo tipo di impianti fosse esportato anche al di fuori del territorio russo. Ricordo che l’uranio arricchito (HEU) e’ (piu’) facilmente convertibile in materiali “weapons-grade” rispetto a combustibili debolmente arricchiti (LEU).

      ——–

      Una ulteriore precisazione sui “Typhoon”: questa classe di sottomarini (SSBN) e’ stata realizzata dal 1976 (factory number TK-208) fino al settembre 1989 quando e’ entrato in servizio l’ultimo scafo (factory number TK-20). Attualmente e’ in dubbio quanti di questi sottomarini effettivamente in servizio, ma secondo il National Resource Defence Council Nuclear Notebook, nessun Typhoon e’ impiegato nel deterrente strategico.

      Cordialmente,
      Marco

    2. Umberto scrive:

      Volevo far notare che la classe Typhoon non √ɬ® la designazione occidentale dei classe Akula, in quanto sono due classi differenti. Il primo √ɬ® un SSBN, impiegato per il lancio di missili nucleari intercontinentali, il secondo √ɬ® un SSN d’attacco, usato per la guerra sottomarina.

    3. Marco Calviani scrive:

      Ciao Umberto,
      l’articolo ha utilizzato la definizione usuale “NATO” corretta, che solitamente genera molto caos ed errori.
      Il codice “Typhoon” e’ la denominazione NATO per la classe SSBN “Akula”, classificazione sovietica del tipo 941.
      Al contrario il codice “Akula” e’ la denominazione NATO per la classe SSN “Shuka-B”, che e’ noto anche come tipo 971 (oppure anche come classe Bars).

      ciao,
      marco

    4. Umberto scrive:

      Chiedo venia, ho fatto confusione tra denominazione NATO della classe e progetto di costruzione russo.

    5. xenon scrive:


      ,,,


      ,,,

    6. Amministratore scrive:
      Commento ufficiale dello Staff

      Salve xenon,

      propronendo interventi interessanti, sicuramente saranno graditi ;-)

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    ‚ÄúStriscia la Notizia‚ÄĚ - querelle sul nucleare 2

    alessandro ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Le scorie nucleari del passato programma nucleare italiano - una bomba ad orologeria da disinnescare

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Bufale nucleari - dopo Fukushima, le risposte alle domande pi√Ļ frequenti sull' energia nucleare



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali