Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Cnr - Cacciola rilancia la diversificazione delle fonti di energia

28 Novembre 2005 di Amministratore

Un’ intervista di Romeo Bassoli al Professor Gaetano Cacciola (direttore dell’ Istituto tecnologie avanzate del CNR di Messina) √ɬ® presente su “Il Messaggero” si qualche giorno fa. Gaetano Cacciola mette in evidenza come la soluzione al fabbisogno energetico sia la diversificazione delle fonti di energia.

Con il nucleare si avrebbe una maggiore autonomia nazionale ma è difficile poterlo attuare in Italia in tempi brevi.
L’ eolico (secondo Professor Cacciola) sarebbe diventato competitivo con le fonti tradizionali e costerebbe appena il 20% in pi√ɬĻ e prospetta di considerare anche l’eolico in mare sebben solo nel mar Adriatico i fondali sarebbero favorevoli. Viceversa il fotovoltaico sarebbe ancora oggi non √ɬ® competitivo e si dovrebbero ridurre i costi di almeno il 75%.



Articoli approssimativamente correlati

  • Il settore energetico italiano secondo Paolo Fornaciari
  • Dibattito a Genova - La diversificazione del mix energetico: strategie locali, nazionali ed europee per un’ energia sostenibile, competitiva e sicura
  • Maggiore diversificazione delle fonti energetiche nel futuro per l’ Italia
  • Daniel Yergin - diversificazione nei futuri scenari energetici internazionali
  • La Cina e il nucleare - alcuni numeri
  • 3 Commenti a “ Cnr - Cacciola rilancia la diversificazione delle fonti di energia”

    1. francesco scrive:

      fotosintesi uguale a scissione a freddo : Avete osservato gli stomi sono delle sfere rotonfe con un
      polo positivo ed uno negativo al suo interno passa vapore di acqua cioè h2o ,
      in questo piccolo spazio per supermagnetismo la molecola di h2o si scinde in idrogeno e ossigeno .
      Spero che i governi mondiali capicascano l’importaza di questi combustibili cio√® idrogeno ed ossigeno
      che si trovano in ogni parte del Pianeta e sono praticamente inesauribili .
      Spero i ricercatori possano inventare uno speciale filtro supermagnetico con milioni di fori
      dove passi la corrente che produca un campo magnetico da scindere l’ossigeno dall’idrogeno .
      Il vapore creato da microonde sull’acqua passa da questo filtro per creare ossigeno ed idrogeno .
      Questo modo per produrre idrogeno e ossigeno è facile e conveniente mentre il nucleare od i combustibili
      per estrazione hanno un elevatissimo costo in denaro salute ed inflazione del denaro di tutto il Pianeta .
      scritto da g213(chiocciola)libero.it

    2. garrotto francesco scrive:

      in spagna sono a 8000 in italia solo 500 eppure abbiamo una superfice
      marina superiore ed adatta a produrre energia eolica .
      Berlusconi vuole energia dal carbone , vuole farci morire
      tutti di cancro .
      i nostri politici sono impazziti non sfruttano la opportunita di avere
      l’energia pulita da un paese che puo dare almeno il 49 per cento del
      fabbisogno con l’eolico .
      infine non bisogna dimenticare che i paesi emergenti come cina ed india
      fanno le guerre come in nepal per avere la egemonia del carbone .
      noi siamo reduci da una guerra infinita in iraq non possiamo fare guerre
      per tutto il pianeta quando senza guerre possiamo ottenere la nostra energia -.

    3. edoardo scrive:

      Un conto √® la potenza un altro l’energia. Cos√¨ come un conto √® la potenza installata un altro l’elettricit√† effettivamente prodotta. E questo √® il limite del sole e del vento. In Germania, paese leader dell’eolico con 18 GW nominali installati, il 24/12/04 raggiunse con il vento a favore il massimo di elettrcit√† prodotta: 9 Gw (su 18 installati) che scese a 3 nelle 12 ore successive e si azzer√≤ il giorno dopo. Fortunamente i tedesci avevano le centrali convenzionli (carbone e nucleare) che sopperirono al gap energetico dato dalla discontinuit√† degli impianti eolici.
      Infine √® da tener presente che la Spagna pu√≤ beneficare della continuit√† delle correnti atlantiche che la interessa (5500 ora di vento all’anno) l’Italia pu√≤ contare circa 2500/3000 ore di vento all’anno)

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    men casual jackets ha scritto per ultimo un intervento in:
    Sogin e IFIN - collaborazione per l' innovazione nella gestione rifiuti radioattivi

    essay writing uk ha scritto per ultimo un intervento in:
    Impianto Plutonio (IPU) di Casaccia - smantellamento scatole a guanti contaminate da plutonio

    do my assignment ha scritto per ultimo un intervento in:
    Pubblicato decreto di autorizzazione per la realizzazione del complesso Cemex

    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    ‚ÄúStriscia la Notizia‚ÄĚ - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali