Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Belgio - fuga di Iodio-131 radioattivo

4 Settembre 2008 di Amministratore

Il 23 agosto √® stata registrata una “fuga radioattiva” di Iodio-131 dall’ “Institut National des Radio√©l√©ments” (IRE) presso la cittadina di Fleurus, non lontana da Charleroi, in Belgio.

L’ istituto IRE √® noto per essere uno dei principali produttori europei di radioisotopi per uso medico.

A seguito dei controlli effettuati successivamente, l’ incidente √® stato attribuito ad una serie di errori umani e di problemi tecnici.
Dei prelievi a campione effettuati nei terreni circostanti all’ impianto hanno rivelato che la fuga di elementi radioattivi si √® diffusa in un’ area pi√Ļ grande di quanto inzialmente previsto ed ha mantenuto un livello medio di radio attivit√†.

I controlli effettuati su oltre 1.400 persone hanno dato tutti esito negativo.

La “FANC-AFCN” (l’ agenzia federale del Belgio per il controllo nucleare) ha classificato l’ incidente come INES 3 (la scala internazionale Ines va da 1 a 7).



Articoli approssimativamente correlati

  • Accordo tra Enel e Edf - √® quasi fatto
  • Giappone - incidente senza conseguenze in ex centrale nucleare
  • Gran Bretagna - la Nuclear Safety Directorate riscontra deterioramente in reattori nucleari
  • Commissione Europea - Launch Conference of the European Technology Platform on Sustainable Nuclear Energy
  • Finlandia (Olkiluoto) - deposito geologico in giacimento di granito
  • 5 Commenti a “ Belgio - fuga di Iodio-131 radioattivo”

    1. Egisto scrive:

      Interessante notare la differenza di trattamento riservata dai media rispetto agli “incidenti” di Tricastin. Questo √® sicuramente pi√Ļ grave, con la dispersione di iodio 131, che √® abbastanza pericoloso anche se di breve durata. Tuttavia nessuna prima pagina sui giornali on line solo un breve trafiletto su Repubblica.it.
      Evidentemente la radioattività è cattiva se viene da una centrale nucleare, ma è buona se viene da un centro di produzione di materiale medico? perché non si levano le voci chiedendo la cessazione dei trattamenti medici con radioisotopi?

    2. Edoardo scrive:

      Per Egisto:

      stavo per dire anch’io la stessa cosa. Spero che questo caso (come molti altri) induca la gente a pensare e riflettere pi√Ļ autonomamente invece di affidarsi a sciocche ideologie.

      Saluti.

    3. Renzo Riva scrive:

      Sottoscrivo

    4. Pietruccio scrive:

      Interessante articolino sul sito di Le Scienze

      Da una ricerca condotta presso la Harvard University a Boston, fra il resto, risulta che

      “Quando a Dublino venne proibita la vendita del carbone, le concentrazioni di particolato crollarono del 70 per cento in 72 mesi, e le morti per malattie cardiovascolari del 10 per cento”

      lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Il_particolato_fin...

      Cosa succederebbe se qualcosa del genere succedesse per effetto di rilasci radioattivi provenenti da centrali nucleari?

    5. Pietruccio scrive:

      Naturalmente ricordo che

      lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Il_PM10_favorisce_...

      “Il PM10 favorisce la trombosi venosa profonda e per ogni aumento medio di 10 microgrammi di particolato per metro quadrato della zona in cui si vive, il rischio aumenta del 70 per cento”

      Eppure, senza nucleare, il futuro sar√† tutto a carbone (con un po’ di rinnovabili). Ricordo anche che i processi di trattamento del carbone sono energivori e quello del confinamento della CO2 √® drammatico quanto a percentuale di energia consumata, per non parlare degli altri problemi che potrebbe generare.

      Ho scritto queste cose come memo per gli antinucleari che si credono ambientalisti (tanto per tenerci allenati).

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    ‚ÄúStriscia la Notizia‚ÄĚ - querelle sul nucleare 2

    alessandro ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Le scorie nucleari del passato programma nucleare italiano - una bomba ad orologeria da disinnescare



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali