Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Nuovo record per il supercomputer IBM BlueGene/L

29 Giugno 2006 di Amministratore

Su “Il Sole 24 Ore” di oggi √ɬ® riportata la notizia del nuovo record di calcolo che ha raggiunto il supercomputer IBM “BlueGene/L” adoperato dall’ amministrazione per la sicurezza nucleare USA (NNSA) presso il “Lawrence Livermore National Laboratory”.

“BlueGene/L” ha eseguito calcoli alla velocit√É di 207,3 TeraFlop di operazioni in virgola mobile al secondo.
Il supercomputer sarà usato anche per prevedere gli effetti delle esplosioni nucleari.

AGGIORNAMENTO
come segnalato da un attento lettore, il supercomputer “BlueGene/L” non verr√É usato per prevedere gli effetti delle esplosioni nucleari, ma pi√ɬĻ propriamente per analizzare e valutare il corretto funzionamento nel tempo delle armi nucleari.



Articoli approssimativamente correlati

  • IBM - supercomputer per il nucleare
  • Cern - record di velocit√† per la rete Grid di Ginevra del Cem-Lhc
  • Statistiche utenti del mese di settembre 2008
  • Statistiche utenti del mese di giugno 2008
  • Laboratorio Europeo di Calcolo Scientifico a Roma
  • 2 Commenti a “ Nuovo record per il supercomputer IBM BlueGene/L”

    1. Marco Calviani scrive:

      Salve,
      volevo soltanto fare una precisazione circa l’utilizzo dei supercomputer nell’ambito di laboratori del Dipartimento dell’Energia (DOE) (e non solo). Nel 1992 gli Stati Uniti hanno adottato una moratoria sui test nucleari e la NNSA (National Nuclear Security Administration) si e’ trovata quindi costretta a sviluppare un programma per mantenere in corretto funzionamento lo “stockpile” di armi nucleari utilizzando altri metodi. In particolare e’ stato realizzato il cosiddetto “Advanced Simulation Computing Program”, che prevede lo sviluppo di simulazioni tramite computer per analizzare e predirre le performance, la sicurezza e l’affidabilita’ delle armi nucleari. Effettivamente qui non si tratta di valutare gli “effetti” di una esplosione nucleare ma di andare a monte del funzionamento dell’ordigno, come del resto chiaramente spiegato in un articolo dei Lawrence Livermore National Laboratories
      llnl.gov/PAO/news/news_releases/2006/NR-06-06-07.html

      Scusate ma ritengo che sia una differenza sostanziale.

      Cordialmente,
      Marco

    2. Amministratore scrive:
      Commento ufficiale dello Staff

      Salve.

      Effettueremo la modifica dell’ articolo quanto prima.
      Grazie per la segnalazione.

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.


    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali