Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Milano - Safety, Nuclear Risk and the Creation of an Italian Regulatory Authority

15 Ottobre 2008 di Amministratore

Ci è stato segnalato per venerdì 17 ottobre un convegno dal titolo “Safety, Nuclear Risk and the Creation of an Italian Regulatory Authority” a Milano.

La costruzione di un framework per la regolamentazione degli impianti è uno dei passi fondamentali per la ripresa della generazione da fonte elettro-nucleare in Italia.
Si pongono, tuttavia, quesiti cruciali: quali devono essere i principi fondanti del modus operandi della nuova autorità? Quale modello si applica all’ Italia? La comunità europea può aiutare con il suo pacchetto nucleare?
Come può l’ autorità procedere per garantire un’ elevata trasparenza e trasmettere sicurezza al pubblico?
Il convegno si avvarrà della presenza del Prof. George Apostolakis, Massachusetts Institute of Technology,tra i più influenti esperti internazionali in materia di analisi dei rischi e sicurezza.

Tra i partecipanti:

- George Apostolakis (Korea Electric Power Professor of Nuclear Science and Engineering and Professor of Engineering Systems, Massachusetts Institute of Technology, and Advisory Committee on Reactor Safeguards, US Nuclear Regulatory Commission, Washington D.C., USA.)

- Giancarlo Aquilanti (Director of the Enel Nuclear Program)

- Emanuele Borgonovo (Director, ELEUSI-Università Bocconi)

- Giuliano Locatelli (Manager, Power Projects Ansaldo Nucleare)

- Roberto Mezzanotte (Director, ISPRA Nuclear Department)

- Magnus Mori (International Regulatory Affairs, E.ON Kernkraft GmbH)

- Roberto Potì (Executive Vice President Corporate Business Development Edison)

- Massimo Romano (Chief Executive, SOGIN)

Il convegno è organizzato da “ELEUSI - Università Bocconi” e “IEFE - Università Bocconi” e si terrà a Milano in via Sarfatti, 25.



Articoli approssimativamente correlati

  • Milano - Basic Introduction to Nuclear Safety
  • Comunicazione congiunta ASN, HSE e STUK sul reattore EPR
  • Gran Bretagna - la Nuclear Safety Directorate riscontra deterioramente in reattori nucleari
  • ENEL - attuale organizzazione del reparto nucleare
  • Convegno FISA 2006 in Lussemburgo - ricerca e formazione nell’ UE nel settore dei reattori
  • 4 Commenti a “ Milano - Safety, Nuclear Risk and the Creation of an Italian Regulatory Authority”

    1. danielerovai scrive:

      Interessante il fatto che a questo convegno sia presente la Sogin ed il suo AD Massimo Romano. Due soggetti che con il rinasimento nucleare non centrano per niente!

      In parlamento si sta disutendo il ddl 1441 ter. L’attenzione è per l’articolo 15 che propone la nascita dell’agenzia nucleare , la ricollocazione dell’Enea, dell’Apat Nucleare (pardon ISPRA - dip. Nucleare) e… il commissariamento della Sogin. Proprio cosi. Commissariamento voluto fortemente dalla Lega per il ritardo nell’operazione di smantellamento. che per bocca del deputato leghista Stefano Allasia, durante la seduta di discussione generale alla Camera di quel disegno legge (23 ottobre), ha anche accusato l’Ad Massimo Romano di essersi creato “ex novo la funzione di direttore generale della società, facendosi nominare per questa funzione dell’attuale Consiglio di amministrazione, pur in assenza di un’esperienza specifica nel settore nucleare, nonché di titolo di studio universitario, e ciò al solo fine di ottenere, in modo surrettizio, un congruo aumento di stipendio (quasi un milione di euro). L’intervento tempestivo della Corte dei conti ha minato questa indecente operazione di appropriazione indebita.
      Forse bisognerebbe che qualcuno glielo dicesse.

    2. Edoardo scrive:

      Nel servizio di Report del 02/11/08 vengono illustrate vari lati oscuri della gestione Sogin… Che dire? Ora che si vuol ripartire con nucleare, a parer mio, invece di commissariarla di nuovo (come hanno fatto) io la toglierei di mezzo ed affiderei alla nascente Enes.

    3. danielerovai scrive:

      Edoardo ma ha letto gli articoli 15 e 16 del DDL 1441 TER? Parlano del nucleare e di come sarà gestito dal governo. Leggili e poi ne riparliamo.

      Sul commissariamento di SOGIN e sull’ENES sono solo giochi politici per gestire poltrone e potere. Prima era CNEN, poi ENEA, adessosarà ENES.
      Ma tutto resta come prima.

      Piuttosto rifletti sul fatto che l’APAT Nucleare non c’é più e che è stata annacquata nell’ISPRA; Certo sono tutti 60 aenni pronti per la pensione ma rappresentano, anzi rappresentavano, l’unico organo terzo di controllo radiologico. E quest fatto con un governo che vuole militarizzare la rinascita nucleare nopn è rassicurante.

      Per un governo che vuole militarizzare la rinascita nucleare

    4. Edoardo scrive:

      Militarizzazione?…Non credo.
      Il fatto è che questa volta si vuol ripartire seriamente sia dal punto di vista organizzativo, burocratico, sociale e sopratutto tecnologico.

      Quando partì la stagione nucleare (1950 1960) da noi non c’era tutta la “cultura” di oggi riguardo al combustibile, agli impianti, allo stoccaggio delle scorie, ecc.
      Penso non sia onesto dire che ci tutto sarà come prima, con i soliti sbagli, i soliti ostacoli o la solita leggerezza…
      Un fatto: dal servizio pare che tutto l’apparato italiano sia una bomba ad orologeria; dal 1963 al 1987 non c’è mai stato un incidente o contaminazione grave del territorio o della popolazione; solo per quel che riguard la centrale del Gariglio ci furono dei problemi e fu chiusa già nel 1978 prima del rerendum. Si potrà dire superficilamente: abbiamo avuto fortuna!…Mah, allora chissà quanta ce ne vorrà ancora per sopravvivvere a tutti gli altri rischi relativi all’attività industriale (chimica, edile, ecc.)

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    alessandro ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Le scorie nucleari del passato programma nucleare italiano - una bomba ad orologeria da disinnescare

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Bufale nucleari - dopo Fukushima, le risposte alle domande più frequenti sull' energia nucleare



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali