Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Areva, Alstom e Bouygues - Strategie e logiche industriali

7 Febbraio 2008 di Amministratore

Sul “Corriere della Sera” di ieri 6 febbraio c’era un articolo di Stefano Agnoli in merito alla possibile logica industriale che il premier francese Sarkozy e il suo entourage avrebbero in mente per il nucleare civile: creare un unico grande polo francese del nucleare civile aggregando Areva, Alstom e Bouygues.

In pratica si vorrebbe formare un “polo nucleare civile” che sarebbe coerente con quanto qualcuno ha fatto notare e cio√® che “per assemblare una centrale nucleare ci vuole un reattore (Areva), una turbina (Alstom) e un bel contenitore di cemento armato e le strade per arrivarci (Bouygues)”.

Tuttavia a questa possibile evoluzione ci sono alcuni ostacoli:
- il non buon rapporto tra Patrick Kron (Presidente e Direttore Generale di Alstom) e Anne Lauvergeon (Presidente del Consiglio esecutivo di Areva)
- la presenza della tedesca Siemens in “Areva NP” (societ√† controllata da Areva specializzata nella costruzione di reattori e di cui Siemens posside il 34% del pacchetto azionario)



Articoli approssimativamente correlati

  • Alstom mira ad entrare in Areva
  • EDF - primi contratti per il reattore EPR
  • Siemens vuol investire in AREVA
  • Shaw Areva MOX Services - nuovo impianto di fabbricazione di MOX negli USA
  • General Electric e Hitachi - joint venture nucleare
  • Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.


    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali