Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Turismo nucleare

5 Ottobre 2007 di Amministratore

Sul “Corriere della Sera” del 29 settembre c’era un articolo di Ennio Caretto sul cosiddetto “turismo nucleare“.

Infatti soprattutto negli USA sta prendendo piede l’ interesse di visitare quei luoghi (spesso un tempo off-limits) in cui sono avvenuti episodi della storia recente e che stanno andando ora a formare il “nuclear trail” (sentiero nucleare), composto da siti quali:

- il “B Reactor” di Hanford (nello stato di Washington) presso l’ impianto che produsse il plutonio per la prima bomba atomica sperimentata nel Nuovo Messico.
- il “Trinity Site” vicino ad Albuquerque (nello stato del Nuovo Messico) dove è’ stato assemblato poi fatto esplodere il “Trinity Device”, ovvero la prima testata ad implosione
- il parco dei missili “Minutemen” (nello stato del Sud Dakota)
- l’ ex base dell’ aeronautica militare “Larsen” (nello stato di Washington)
- il poligono misilistico di White Sands
- i bunker antiatomici, tra cui spicca il “”White Sulphur Springs” (nello stato del West Virginia) dove si sarebbero dovuti rifuggiare tutti i parlamentari americani del Congresso e i loro collaboratori (poteva opsitare circa mille persone per due mesi)

Altri impianti che hanno fatto la storia (come i laboratori di Los Alamos o i laboratori Sandia) sono ancora chiusi al pubblico essendo ancora in funzione.



Articoli approssimativamente correlati

  • Terzo anniversario della protesta contro la decisione di realizzare il deposito di rifiuti radioattivi a Scanzano Jonico
  • Ddl Energia - si promuove l’ energia nucleare?
  • Associazione “Scanziamo le Scorie” - eventi per quarto anniversario della protesta Scanzano Jonico
  • Associazione “Scanziamo le Scorie” - eventi per secondo anniversario della protesta Scanzano Jonico
  • 13 Commenti a “ Turismo nucleare”

    1. Marco Calviani scrive:

      Premetto di non aver letto l’articolo suddetto, ma vorrei puntualizzare che il Trinity Site (localizzato all’interno del White Sands Missile Range), non e’ il luogo “dove si producevano missili e bombe atomiche”, ma bensi’ e il luogo dove e’ stato assemblato ed esploso il Trinity Device, ovvero la prima testata ad implosione.

      m

    2. Amministratore scrive:
      Commento ufficiale dello Staff

      Marco grazie per la precisazione

    3. Ing. Vincenzo Romanello scrive:

      Si, le bombe si studiavano a Los Alamos e si assemblavano (tipicamente) nell’impianto Y-12 di Oak Ridge (nel Tennessee) - impianto che ho visto.
      L’iniziativa sarebbe interessante, ma evidentemente di carattere ‘bellicoso’. Sarebbe meglio far vedere fabbriche di combustibile, reattori in esercizio, depositi di scorie per educare correttamente la popolazione alla tematica dell’energia…

    4. Marco Calviani scrive:

      Caro Vincenzo,
      nell’impianto Y-12 di Oak Ridge, come sai, non venivano assemblate le testate ma bensi’ separato U235 mediante il processo di separazione elettromagnetica (e prodotti anche composti deuterati di Li6).
      Le testate venivano fisicamente assemblate vicino ad Amarillo, in Texas, alla Pantex Plant, adesso utilizzata anche per lo smantellamento delle stesse. Fino al 1984 anche Los Alamos aveva la capacita’ di fabbricare ed assemblare ordigni usati nei test.

      m

    5. Ing. Vincenzo Romanello scrive:

      No, caro Marco, non credo: l’Y-12 ha un reattore tipo quello di Hanford (ma piĂą piccolo) per la produzione del plutonio (che ho visto di persona), e gli impianti di arricchimento dell’uranio. Inoltre oggi dispone di acceleratori di particelle per esperimenti scientifici di interesse generale; durante la seconda guerra mondiale divenne ‘famoso’ in ambiente militare USA per i suoi calutroni e per aver fornito l’esplosivo per la bomba di Hiroshima.
      Durante la guerra fredda però è divenuto anche un centro di assemblaggio di ordigni(a Los Alamos li studiano, lo so da fonte affidabile), come puoi intuire anche dal seguente link:

      http://www.y12.doe.gov/about/factsheet.php

    6. Marco Calviani scrive:

      Non e’ che voglio contraddirti, pero’ ogni laboratorio aveva (ha) un suo compito specifico, Nel caso di Oak Ridge, l’assemblaggio della testata non rientra(va) nel suo ambito. Il fatto che ci sia un reattore non significa nulla, e lo sai. La Spallation Neutron Source ed ORELA ne sono l’esempio lampante.

      In ogni caso ti consiglio di dare una occhiata qua:

      http://www.brookings.edu/fp/projects/nucwcost/sites.htm

      m

    7. Ing. Vincenzo Romanello scrive:

      Dici bene, non rientraVA ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, dopo sembrerebbe proprio di si invece (almeno così mi risulta)…

    8. E scrive:

      Sul piano tecnico non sono informato ma sono d’accordo con L’ing. Romanello: meglio il “turismo” negli impianti nucleari civili che, mi hanno riferito, sono molto interessanti (spero di aver l’occasione anch’io un giorno)
      Il nucleare militare m’interessa di meno.

    9. Edoardo scrive:

      “E” sono io.
      Non avevo digitato tutto il nome.

      Saluti.

    10. garrotto francesco scrive:

      in Spagna sono a 8000MW in Italia solo 500 MW eppure abbiamo una superfice
      marina superiore ed adatta a produrre energia eolica .
      Berlusconi vuole energia dal carbone , vuole farci morire
      tutti di cancro , gli ambientalisti dicono che cosi non verranno turisti
      e neppure zanzare .
      i nostri politici sono impazziti non sfruttano la opportunita di avere
      l’energia pulita da un paese che puo dare almeno il 49 per cento del
      fabbisogno con l’eolico , la spagna comunista e laica ha realizzatu
      quasi 80 per cento di energia nazionale , l’ Italia invece solo il 20 per
      cento con il risultato che dobbiamo importare petrolio e carbone
      facendo che nonostante commercio e industria tirano bene a causa
      del negativo del petrolio siamo diventati ultimi in Europa per ricchezza
      pro capite .
      infine non bisogna dimenticare che i paesi emergenti come Cina ed India
      fanno le guerre come in Nepal per avere la egemonia del carbone .
      noi siamo reduci da una guerra infinita in Iraq non possiamo fare guerre
      per tutto il pianeta quando senza guerre possiamo ottenere la nostra energia -.
      Berlusconi in 5 anni di buon governo ci ha fatto diventare ultimi in Europa
      per ricchezza pro capite solo lui e la cordata cattolica che mette i soldi
      nelle banche Vaticane si sono arricchiti , l’unica cosa buona che ha fatto
      con la bocca è il terzo ponte sullo stretto di Messina realizato con cemento
      di prima qualitĂ  .
      Divulga questo email contribuisci a difendere i tuoi interessi di Italiano
      se non vuoi che ci finisca come l’ex Iugoslavia divisa in in piccoli
      territori autonomi venduti alle multinazionali straniere se sei
      un operaio oppure un imprenditore si corre il pericolo come l’Alitalia
      di rimanere disoccupato e lo Stato deve pagare un sacco di soldi a
      questi disoccupati , tutti noi paghiamo le consequenze e le tasse
      dai comercianti ai negoziandi tranne i cattolici del Vaticano .
      Cubtribuisci attivamente politicamente ai laici per un eolico
      nel Nostro Paese senza emissioni co2 e senza scorie radiattive .

    11. edoardo scrive:

      Scusi Sig. Garrotto, ma non le sembra che nel suo post ci sia un po’ di propoaganda politica spicciola?

    12. edoardo scrive:

      Riguardo all’eolico, se avete tempo e voglia, date un’occhiata a questo articolo:

      espresso.repubblica.it/dettaglio/Business-al-vento/2015467//...

    13. Antonino scrive:

      il “turismo nucleare” era l’espressione usata per “criticare” il sistema di partecipazione alle conferenze del settore nucleare. E’ curioso ritrovarlo con la connotazione riportata nell’articolo, tra l’altro al solito negativamente improntandola all’assonante a “turismo sessuale”.

      Un po’ come dire “energia atomica” fa pensare alla bomba atomica.

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali