Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



ISPRA - la radioattività ambientale in Italia non costituisce alcun rischio

15 Aprile 2011 di Amministratore

Dopo quanto accaduto in Giappone presso la centrale nucleare “Fukushima Daiichi 1″, si è sentito spesso parlare di una “nube radioattiva” che si sarebbe pian piano spostata dal Giappone giungendo anche in Europa: l’ ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) segue costantemente l’ evolversi della situazione in atto in Giappone e monitora costantemente le eventuali conseguenze ambientali in Italia.

L’ ISPRA svolge questo lavoro nell’ ambito dei compiti ad esso attribuiti dalla legislazione vigente quale autorità di controllo per la sicurezza nucleare e la radioprotezione ed organo tecnico di supporto alle autorità di protezione civile per le emergenze nucleari e radiologiche.
Le valutazioni che l’ ISPRA sta svolgendo si basano sulle informazioni ricevute quale punto di contatto nazionale nell’ ambito per i sistemi di scambio rapido d’ informazioni predisposti dall’ IAEA (Agenzia Internazionale dell’ Energia Atomica), in attuazione della Convenzione per la Pronta Notifica d’ Incidenti Nucleari.
L’ ISPRA è in continuo contatto con l’ IAEA e con il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Di seguito si riportano alcuni estratti tratti dal resoconto (aggiornato al 14 aprile) sull’ “Emergenza nucleare in Giappone” effettuata dall’ ISPRA in merito all’ attuale situazione della radioattività ambientale in Italia:

“Sin dal 12 marzo 2011, l’ISPRA ha richiesto di intensificare le misure di particolato atmosferico allo scopo di monitorare l’andamento di una eventuale presenza di radioattività in aria riconducibile all’incidente nella centrale di Fukushima in Giappone. Vengono effettuate misure giornaliere con particolare riguardo alla presenza degli isotopi Iodio 131 e Cesio 137. È stato anche richiesto di effettuare misure di deposizione al suolo con cadenza settimanale. Sono state programmate anche alcune misure su vegetali a foglia larga e latte al fine di seguire eventuali fenomeni di trasferimento dei radionuclidi nell’ ambiente.”

I valori riscontrati non hanno alcuna rilevanza dal punto di vista radiologico e sono tali da non costituire alcun rischio di tipo sanitario.

Le concentrazioni sono in generale accordo con quelle rilevate in altri paesi Europei. I valori di concentrazione rilevati con le prime misure nei vegetali a foglia larga e nel latte sono notevolmente inferiori ai livelli massimi ammissibili stabiliti dai regolamenti Euratom.”

“Si conferma che, sino ad oggi [14 aprile], la rete automatica di monitoraggio dell’ intensità di dose gamma in aria dell’ ISPRA non ha rilevato valori anomali rispetto alle normali fluttuazioni del fondo ambientale locale.”

E’ possibile leggere sul sitoweb dell’ ISPRA un approfondito e costantemente aggiornato resoconto sull’ “Emergenza nucleare in Giappone”, con riuferimento anche alla radioattività ambientale in Europa e in Italia in particolare.



Articoli approssimativamente correlati

  • Impianto Cemex - procedura di valutazione della compatibilità ambientale
  • Il prefetto Grimaldi nominato Commissario Straordinario dell’ IRPA (ISPRA)
  • JRC Open Day 2009
  • Svizzera - scomparse tracce di radioattività imputabile a Chernobyl
  • Fabbricazioni Nucleari di Bosco Marengo - approvato decreto per lo smantellamento
  • 3 Commenti a “ ISPRA - la radioattività ambientale in Italia non costituisce alcun rischio”

    1. Nicola scrive:

      Con l’aspirazione di 4 m3 di aria,(effettuata 2 volte al giorno), tramite spettrometria gamma non veniva rilevato nessun valore di I-131 Cs137 Cs134 e quando era presente era sotto l’MDA (Minima Attività Rilevabile)
      Con l’aspirazione continua di 36 ore si aveva la presenza nel caso più elevato di 0.3 mBq/m3 di Iodio 131 il giorno 3 aprile. VVF Vercelli

    2. Fabio scrive:

      Grazie a questo governo potete chiudere anche il forum.
      Arrivederci.
      repubblica.it/ambiente/2011/04/19/news/nucleare_governo-1513...

    3. Raffaele scrive:

      Perchè questi dati non sono resi disponibili al pubblico?

      Perchè Francia, Germania, persino la Slovenia hanno un sito WEB con una carta geografica su cui appaiono i valori in tempo reale e L’ISPRA non provvede in modo analogo?

      E’ una realizzazione alla portata di un 14enne un pò sveglio…non credete che tale mancanza dia a molti il sospetto che abbiate qualcosa da nascondere?

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali