Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Scajola (Ministro Sviluppo Economico) - prima pietra per centrale nucleare prima delle elezioni del 2013

18 Febbraio 2010 di Amministratore

Claudio Scajola (Ministro dello Sviluppo Economico) ha affermato ieri 17 febbraio che la prima pietra per una nuova centrale nucleare sarà posta prima delle elezioni politiche del 2013.

E’ quanto è stato affermato dal Ministro Scajola in una dichiarazione rilasciata a “Sky Tg24″.
Aggiungendo inoltre che la decisione sui siti delle centrali nucleari sarà fatta con una procedura trasparente e chiara.



Articoli approssimativamente correlati

  • Berlusconi e Scajola annunciano un nuovo corso per il nucleare italiano
  • Scajola - il nucleare nel programma del Polo?
  • Reattore di terza generazione (EPR) in Finlandia
  • Scajola - centrali di III generazione per il 2018-2020
  • Turchia - gara per la prima centrale nucleare
  • 35 Commenti a “ Scajola (Ministro Sviluppo Economico) - prima pietra per centrale nucleare prima delle elezioni del 2013”

    1. mirco scrive:

      certo che la competenza degli amministratori ENEL sia solo per portar reddito a ENEL stessa e non benessere, pagheranno con un sorpasso all esterno questa loro presunzione di omnipotenza da LOBBY!
      la vera battaglia e’ non sull ambiente o sulla sostenibilita ed ecocompatibilita’, ma solo per il MANTENIMENTO del mercato dell energia CENTRALIZZATO.
      evidente dallo scarso interesse nel VERO PROGRESSO che porterebbe la SMART-GRID ; che si avvale di accumulatori per ogni isola LowVoltage….

      ma se vanno alla guerra, guerra sia e la pieta’ sala solo umana, ma non politica o economica… VOI dell ENEL ed ENI, contro NOI ITALIANI….
      5 STELLE LOMBARDIA

    2. Davide scrive:

      Ma che ti sei bevuto? Ma era qualcosa di forte però!

      Ma sarò io che ricordo male, o sta prima pietra doveva già essere entro la fine dell’anno (scorso)?

    3. Enrico D'Urso scrive:

      no, sempre detto 2013, prima della fine della legislatura. se non si sa il reattore, le carte, il sito, non esiste l’agenzia….che prima pietra fai?

    4. Edoardo scrive:

      Anch’io, francamente, ho sempre sentito dire entro la legislatura.

    5. andrea.m scrive:

      Che bello! un altra prima pietra sul nulla.
      L’ultima, del Ponte di Messina è stata varata dal CIPE il mese scorso: riguarda un inutile variante ferroviaria di 4 chilometri che ha il solo scopo di dare valenza legale al contratto stipulato con la IMPRIGIRO.
      Quest’ultima, grazie a questa prima tranche di lavori, acquisisce il diritto ad un indennizzo da parte dello Stato di € 600.000.000 (seicentomilioni di euro) per la mancata costruzione del ponte.
      È il nuovo corso economico del governo, soldi per questi progetti faraonici non ce ne sono, né mai ci saranno, ma stipulando contratti capestro ai nostri danni con gli imprenditori amici degli amici, si possono ancora drenare gli ultimi miliardi dalle casse dello Stato prima del Crack finale.

    6. Renzo Riva scrive:

      Su rai3 stasera la gabanelli che spera che in Italia si faccia il nucleare di IV generazione.

      Non sa nemmeno di cosa parla la triesticola.

    7. Renzo Riva scrive:

      Scusate: Botteri al posto di Gabanelli.

    8. Don Peppone scrive:

      Dichiarazione del Epr Project Manager in Finlandia di TVO effettuata a Febbraio 2008:

      “Al momento Areva ci ha trasmesso la metà dei piani. I rettori nucleari non si costruiscono senza piani, almeno non in Finlandia.”

    9. Enrico D'Urso scrive:

      a trino non trasmette nemmeno le planimetrie dei cask con le tolleranze esatte per gli elementi di combustibile, visto che sono comparati a segreti di stato. non vedo il problema…..

    10. matteo scrive:

      Nello sproloquio, peraltro a tratti molto divertente, del redivivo Luttazzi, nell’elencare le leggi ad personam del Berluska tira fuori il nucleare! Ma che ci azzecca!? Vedete qui al minuto 3:55
      http://www.youtube.com/watch?v=O85RxjvTENE

    11. Antonio scrive:

      Abito nella zona della centrale del Garigliano (CE), dopo 30 anni di inattività e di sperpero di denaro pubblico tutto è ancora lì. Le barre radioattive, il nucleo, le scorie, ed inoltre tutti gli scarti radioattivi degli ospedali vengono depositate in centrale visto che già ce nè. Il mio pensiero è che il governo voglia solo fregarci un bel pò di soldi con i nuovi progetti mentre non si parla minimamente di come rimettere tutto in ordine. E poi in italia non abbiamo ancora un sito di stoccaggio per le scorie. Quindi tirando le somme si vende solo aria fritta.

    12. AleD scrive:

      @Antonio: Ringrazia il referendum dell’87 e la politica di quegli anni. Vuoi ripetere la cappella anche oggi? No perché poi non vi lamentate se l’italia fa così schifo, se sono gli italiani per primi ad essere cocciuti e irragionevoli oltre ogni limite.
      Il passato non deve c’entrare con il futuro, punto.

    13. Renzo Riva scrive:

      Secondo la Corte Costituzionale le autorizzazioni in materia di energia costituiscono esclusiva competenza statale.
      L’estensione della capacità di generazione possono quindi essere individuate
      solo con decreto ministeriale di intesa con la Conferenza Unificata,
      senza lasciare margini di autonomia alle regioni.

      edilportale.com/normativa/sentenza/2010/120/corte-costituzio...

      Ora via libera ai siti nucleari.
      Mandi,
      Renzo Riva
      renzoriva@libero.it
      349.3464656

    14. matteo scrive:

      La sentenza evocata da Renzo Riva é la seguente:
      cortecostituzionale.it/giurisprudenza/pronunce/scheda_ultimo...
      Tuttavia, già altre sentenze avevano lasciano intendere, anche indirettamente, l’esclusiva competenza statale in materia energetica e ambientale. Per esempio, sentenza 247/2006:
      cortecostituzionale.it/giurisprudenza/pronunce/schedaDec.asp...
      Raccolta delle senetenze in merito alla questione in oggetto:
      amministrazioneincammino.luiss.it/site/_contentfiles/0001480...

    15. Renzo Riva scrive:

      l’ing. Giampaolo Bottoni risponde ad una mia mail e fra le varie:

      Per me non e’ un semplice rigassificatore ma il prototipo ( a parte le strutture piu’ specificamente nucleari ) di come dovrebbe essere fatta una centrale elettronucleare costruita in cantiere ( a Monfalcone ? ) e spiaggiata ovunque serva installarla. La demolizione o piuttosto la rimozione della centrale sessanta anni dopo sarebbe un giochetto e cosi’ pure la costruzione non subirebbe intralci burocratici perche’ se nascessero problemi ( alcuni nostri magistrati rosso-verdi hanno fatto di tutto per sabotare anche l’impianto di Rovigo cercando di vietare che fosse completato dall’apposito metanodotto e collegato alla rete nazionale )… se nascessero problemi burocratici istigati dai Niki Vendola di turno … la centrale appena costruita potrebbe essere dirottata in un altro sito a casa di un altro committente che la avesse ordinata e fosse in attesa di riceverla.

      Lo so che le mie email non le legge nessuno ma questo ha un lato buono. Posso andare avanti per anni a scrivere le stesse cose e siccome sono un grafomane ( come lo era Manzoni, Pirandello, Verga etc… per paragonarmi ai migliori e non alle scimmie analfabete che fanno fatica a leggere i titoli dei giornali ) posso GODERE per anni a ripetere le stesse cose… un po’ come i circa 200 Papi della chiesa cattolica ( i portavoce di quel noto pedofilo che sfrontatamente diceva “sinite parvulos venire ad me” .. e forse lo hanno crocifisso per questo…) ;-)

    16. Edoardo scrive:

      La demolizione o piuttosto la rimozione della centrale sessanta anni dopo sarebbe un giochetto e cosi’ pure la costruzione

      concordo co Renzo e l’ing. Bottoni: i reattori AP1000 della Westinghouse, essendo formati da “blocchi” prefabbricati (inteso come costruiti, testati e poi inviati al cantiere e non costruiti sul posto) si costruiscono più velocemente e a fine attività lo smantellamento è più facile e ilpersonale è meno esposto alle possibili radiazioni

    17. Enrico D'Urso scrive:

      intanto ho trovato questo interessante articolo

      borsaitaliana.it/borsa/notizie/mf-dow-jones/italia-dettaglio...

      sulla possibile riattivazione di caorso. se si riesce a fare, quello che gestirà la centrale nei primi 6 anni guadagnerà non milioni, ma miliardi…..

      impianto già pagato, lo deve “solo” riammodernare, e coi costi dell’elettricità in italia, tempo un ciclo e si è già ripagato tutto, poi fino al 2018-20 che ci sono le prime nuove, ci fa i miliardi……..ma tanti……se riesce a spremere bene il reattore ci farà una marea di soldi, poi dopo entrando anche gli altri reattori ne farà di meno, ma intanto si è rimpinzato per benino :P

    18. AleD scrive:

      Facciamo qui una colletta e compriamo noi la centrale? Dai… :-D

    19. Renzo Riva scrive:

      Il giorno Mercoledì 21 Aprile alle ore 23:40 su Rai 2 andrà in onda il programma:

      La storia siamo noi

      puntata sulla ripresa del nucleare in Italia

    20. Pietruccio scrive:

      Riattivare Caorso
      Su questo sito lo diciamo da anni.
      Lo sosteneva anche Fornaciari.
      E’ la cosa giusta.
      Ovvio.
      Ma cosa aspettano.
      Altro che decommissioning.

      —-

      Intanto qui da noi organizzano il “Chernobyl day 2010“… lo spiegherà un tal Giampiero Godio… facile immaginare cosa capiranno gli intervenuti (andrò a sentire anch’io, tanto per farmi venire un po’ di bile).

      Scopo vero: promuovere la “Green Economy”, ma io credo che il fine siano soprattutto le speculazioni sulla green economy. Povera italia…

    21. Renzo Riva scrive:

      forum.radicali.it/content/nucleare-no-grazie#comment-673746

      CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

      Annuncio di una richiesta di referendum popolare (10A04435)

      (GU n. 82 del 9-4-2010 )

    22. Edoardo scrive:

      Riattivare Caorso
      Su questo sito lo diciamo da anni.
      Lo sosteneva anche Fornaciari.

      L’ing. Fornaciari definiva lo smantellamneto di Trino e Caorso “attività da sfasciacarrozza”

    23. Don Peppone scrive:

      Scajola (Ministro Sviluppo Economico) - prima pietra per centrale nucleare prima delle elezioni del 2013…..

      Scajola (Ministro Sviluppo Economico) - seconda pietra per centrale nucleare nel 2018…..

    24. Renzo Riva scrive:

      Bersani invece
      inaugurerà col taglio del nastro la produzione del primo chilowattora elettrico
      da una centrale nucleare di IV genezione
      mai, mai più e maialtro.

    25. Don Peppone scrive:

      Da quanto mi risulta la guardia di finanza è apartitica, se poi viene riportata da repubblica non penso sia un problema visto e considerato che l’indagine ed i fatti ci sono e sono li:

      repubblica.it/cronaca/2010/04/23/news/g8_23_aprile-3554074/

    26. Don Peppone scrive:

      fuori 1

    27. Edoardo scrive:

      Anche se Scajola ha avuto i problemi che sappiamo, è da illusi credere che il governo abbandoni il rilancio del nucleare.
      Tra l’altro il possibilissimo successore Paolo Romani, vice di Scajola, è anche lui un convinto sostenitore dell’energia nucleare.

      Saluti.

    28. Don Peppone scrive:

      Tempo al tempo… ho scritto fuori 1 mica fuori 2…

    29. Pietruccio scrive:

      Purtroppo sia le dimissioni di Scajola che la sconfitta della Merkel nelle recenti elezioni dei land industrializzati della Germania, oltretutto sconfitta a favore dei verdi, non sono certo segnali positivi nell’ottica della speranza di una politica enegetica bilanciata e ragionevole.

      Trovo soprattutto pericoloso per il nostro futuro la fase di stallo che si sta instaurando in Germania. Quello che avrei preferito, come ho avuto modo di dire anche qualche anno fa, sarebbe stata una prosecuzione della folle politica rosso verde in quel paese, in modo che nel giro di pochi anni (5-10 al massimo) si sarebbero potute vedere le conseguenze di una scelta non percorribile: la Germania chiudendo il nucleare dovrebbe infatti sostituire il 25% circa della produzione di energia elettrica con altri sistemi, il che in pratica, vuol dire gas e non certo eolico, ne tantomeno fotovoltaico, ma soprattutto vuol dire che non possono toccare la madre di tutti gli inquinanti che è il carbone (hanno già acidificato i laghi della Finlandia e voglio vedere se continuano a ritmi serrati con questo andazzo quanti altri guai combinano).

      Adesso invece probabilmente continueranno con questo braccio di ferro, con un governo che non avrà il coraggio di fare una scelta netta a favore del rilancio deciso del nucleare, che potrebbe avere un effetto di trascinamento anche per l’Italia, ma che per motivi economici e di un briciolo di coscienza, non si lancerà neanche nello smantellamento deciso del nucleare tedesco, tirando il collo per molti anni ancora alle centrali attuali.

      In questo modo si perderà altro tempo prezioso e resteremo tutti invisciati in un pericolosissimo mercato anelastico nei confronti delle fonti fossili, che si concluderà con uno schianto nel momento in cui iniziando a scarseggiare gas e petrolio, saliranno rapidamente di prezzo bloccando tutto in una situazione in cui saremo privi alternative valide in una economia boccheggiante (non sarà certo quello il momento adatto per fare “ricerca” sul nucleare).

      Il tutto mentre questi incompetenti beati e affaristi antinucleari se la spassano con le provocazioni e con gli incentivi alle nuove rinovabili per i loro amici banche, imprenditori e… chissà che non ci sia qualcosa anche per loro.

    30. Edoardo scrive:

      Concordo con Pietruccio.

    31. Pietruccio scrive:

      Edoardo ti ringrazio: fa piacere sapere che ogni tanto c’è qualcuno che la pensa come me.

      Altra considerazione: l’altro giorno arriva un collega non di fisica e mi fa delle domande strane sull’azoto nei pneumatici. Gli chiedo se ha capito male: non è possibile, penso, che gli abbiano detto certe cose in completa contraddizione con le più elementari leggi della fisica.

      Ho dato una occhiata su internet e ho dovuto constatare che di balle astronomiche non ne raccontano solo gli antinucleari ma è una pratica diffusa nel mondo del commercio (sporco) a dimostrazione di un’altra delle mie convinzioni e cioè che tutto il movimento antinucleare (e ambientalista in generale) non sia altro che una delle solite operazioni commerciali (sporche).

      —————————

      Un esempio di panzana è qui

      http://www.motoclub-tingavert.it/a413s.html

      ——————

      Se qualcuno fosse curioso di sapere come stanno veramente le cose sull’azoto nei pneumatici ecco, ad esempio, cosa dice uno che non racconta balle

      http://www.wroar.net/pages/gomme-ad-azoto.html

    32. luigi scrive:

      Che tristezza! Invece di posare prime pietre che facciano le cose per intero e non dopo decenni!
      Eppoi è vero che berlusconi aveva messo il nucleare come impegno PRIMA della fine della legislatura.
      Un altro governo di chiaccheroni……………..
      Ma smettiamola di andare a votare tutti una volta per tutte così quando si conteranno le schede per lo meno sapremo veramente quanti sono i raccomandati in italia e noialtri “fessi” non passeremo più per tali (e siamo la maggioranza).
      Ciao a tutti.

    33. Renzo Riva scrive:

      luigi!
      Vai a scopare il mare!
      Se non sei un sinistro sei in ogni caso un sinistrato.

      La Corte Costituzionale boccia la legge sull’energia

      Era stato il fiore all’occhiello del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e dell’ex ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola. Il percorso intrapreso non sembrava ammettere sbandate, deviazioni o rallentamenti: il ritorno dell’energia nucleare in Italia era un obiettivo primario ed imprescindibile dell’agenda di governo, anche a fronte della scarsissima popolarità (e dei numerosi timori) che questa “tecnica energetica” riscuote ancora oggi in Italia.

      Tre giorni fa la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della sentenza numero 215 del 9 giugno 2010, con la quale la Corte Costituzionale ha decretato un vero e proprio stop alla corsa all’atomo del governo italiano.

      La legge incriminata è la numero 102, del 3 agosto 2009, conversione del decreto-legge numero 78. Con essa, all’articolo 4, il governo apriva alle procedure d’urgenza per la costruzione di nuove infrastrutture per la produzione di energia elettrica, da leggersi più comunemente come “nuove centrali nucleari”.

    34. Renzo Riva scrive:

      world-nuclear-news.org/NP_Court_win_for_Italian_nuclear_poli...

      Court win for Italian nuclear policy
      24 June 2010
      A claim against Italy’s national nuclear policy brought by eleven regional governments has been rejected by the Constitutional Court.

    35. Giacomo scrive:

      Ecco qui una notizia fresca fresca:

      Saglia: le prime centrali nucleari nei siti esistenti

      «Siccome il nostro Paese non é cambiato geologicamente o geograficamente, è evidente che i siti che hanno già ospitati centrali sarebbero idonei a ospitare nuovamente centrali nucleari» e «Caorso non è da escludere». Lo afferma il sottosegretario allo Sviluppo Economico Stefano Sagliain una intervista allo speciale di Gr Parlamento Rai dedicato alla nascita dell’Agenzia per la sicurezza nucleare.

      «Io però - ha aggiunto - non credo che Caorso sarà al primo posto nei nostri pensieri anche perché noi vorremmo partire dalle aree che hanno più vicinanza con il mare e con le coste».
      Secondo il Sottosegretario, la localizzazione dei nuovi impianti si conoscerà nel 2011 e la comunicazione dovrà essere fatta «con determinati crismi per non allarmare nessuno».

      Quanto al ritardo di sei mesi per la nascita dell’Agenzia, Saglia osserva che essa «non è entrata in funzione a dicembre perché sulle nomine abbiamo voluto fare un approfondimento molto rigoroso. Perché le persone che guideranno questa Agenzia devono essere non solo competenti e di altissima professionalità ma devono avere anche una forza, non dico di persuasione, ma di credibiità e di convincimento nei confronti della popolazione».

      Saglia ha confermato infine l’impegno del governo a completare entro il 2013 tutte le procedure e gli adempimenti necessari per il ritorno del nucleare civile in Italia.

      Fonte:

      ilsole24ore.com/art/notizie/2010-07-16/saglia-prime-centrali...

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    buy mba essay online ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    “Striscia la Notizia” - querelle sul nucleare 2

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali