Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Acciaio radioattivo sequestrato in Italia

5 Marzo 2008 di Amministratore

L’ 1 marzo molti mass media hanno riportato la notizia del sequestro di trenta tonnellate di acciaio radioattivo da parte del Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente.

L’ acciaio √® risultato essere contaminato da Cobalto 60 ed era giunto in Italia come “prodotto semilavorato” che doveva poi essere lavorato da fonderie italiane.
La contaminazione (secondo gli inquirenti) √® probabilmente avvenuta durante la fase di fusione presso il grande impianto siderurgico della cinese Tysco (proprietaria della pi√Ļ grande fonderia al mondo): una sorgente radioattiva “orfana” (ovvero una sorgente radioattiva sfuggita al controllo delle autorit√†) √® stata accidentalmente fusa assieme all’ acciaio. Tra l’altro, fanno notare gli inquirenti, il cobalto √® usato proprio nelle fonderie per misurare lo spessore dei refrattari rivestenti gli altiforni: una mancata manutenzione potrebbe anche aver provocato che la sorgente di cobalto si sia fusa con l’ acciaio.

Dalla Cina poi questo acciaio √® arrivato quindi in Italia nel porto de La Spezia e poich√® si trattava di “prodotto semilavorato” non √® stato sottoposto ad alcun controllo radiometrico come avviene invece per i “rottami metallici”.
In Italia tale acciaio era destinato alla produzione di manufatti per uso industriale (condotte, camini, ciminiere, cappe, pulegge…) e proprio le successive verifiche sugli scarti di lavorazione hanno rilevato la presenza di contaminazione da cobalto 60.

Il sequestro di acciao è stato compiuto nelle province di Brindisi, Campobasso, Treviso, Milano, Lucca, Frosinone, Latina e Mantova.
I carabinieri hanno affermato che con il sequestro sono stati scongiurati danni per i lavoratori, per l’ambiente e per la popolazione italiana, ed anche se parte del materiale dopo esser stato lavorato in Italia √® stato esportato in altri Peasi la situazione comunque non preoccupa in quanto le polizie degli altri paesi √® stata gi√† prontamente informata.



Articoli approssimativamente correlati

  • EnergySolutions - dettagli sulla richiesta per la licenza per importare ed esportare materiale radioattivo
  • Dubbi sulla resistenza dei materiali ceramici usati per lo stoccaggio delle scorie?
  • Norvegia - spento reattore di ricerca
  • Roma - Workshop AIEA - Diniego alla spedizione di materiale radioattivo per i Paesi del bacino del Mediterraneo
  • La scelta per il riprocessamento in Italia
  • Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.


    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali