Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Goldman Sach - la politica energetica dell’ Europa e l’ opzione nucleare

19 Aprile 2006 di Amministratore

Il 18 aprile su “Finanza e Mercati” un articolo di Luca Testoni riporta quanto detto dalla banca di affari Goldman Sachs secondo cui “i prezzi elevati delle commodity potrebbero accelerare il ritomo all’ energia atomica“.

Sempre la Goldman Sach ha inoltre analizzato il “triplice dilemma” che l’ Europa deve affrontare nel settore energetico:
- il declino delle riserve di idrocarburi
- il rispetto dei vincoli del protocollo di Kyoto, che porteranno a una progressiva riduzione del carbone
- gli alti costi e la poca affidabilità delle fonti rinnovabili

Tuttavia rileva la Goldman Sach che per il nucleare c’√ɬ® il problema di un impegno finanziario molto elevato e per aggirare il problema della localizzazione di nuovi impianti si dovrebbe valutare l’ idea di prolungare la vita degli impianti esistenti.
Infine si fa notare che con gli attuali prezzi dell’uranio i nuovi reattori possono diventare profittevoli solo se il prezzo dell’energia elettrica √ɬ® a 35-43 euro al megawattora, che sarebbe pur sempre una soglia pi√ɬĻ bassa rispetto a quella di nuovi impianti a carbone o a gas.



Articoli approssimativamente correlati

  • Prodi - verso il nucleare ci dovr√É essere una politica di attenzione
  • La Commissione europea lascia la porta aperta al nucleare
  • Montezemolo e il rilancio della politica energetica
  • Consiglio di Cooperazione Economica - lo sviluppo economico europeo, il nucleare e le energie rinnovabili
  • IV Forum Sistema Energetico a roma
  • Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.


    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali