Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Greenpeace e Legambiente - Chernobyl venti anni dopo

13 Aprile 2006 di Amministratore

Ci è stato segnalato un altro evento in occasione del ventesimo anniversario dell’ incidente di Chernobyl: in collaborazione con il Comune di Roma, Greenpeace e Legambiente hanno organizzato per il 19 aprile 2006 a Roma nella la sala della Protomoteca presso il Campidoglio (ore 9:00-14:00) la conferenza “Cernobyl venti anni dopo - Per un futuro sostenibile e senza nucleare“.

Programma del convegno:

Saluti
Walter Veltroni (Sindaco di Roma)

Introduzioni al convegno
Roberto Della Seta (Presidente Legambiente)
Walter Ganapini (Presidente Greenpeace Italia)

Vent’anni da Cernobyl
Presiedono: Giuseppe Onufrio, Lucia Venturi

Le conseguenze mediche del disastro
Massimo Tosti Balducci (Medicina nucleare - Ospedale di Grosseto)

La situazione ambientale in Bielorussia
Sandro Fabbri (ARPA Emilia Romagna)

Il nucleare nel mondo
Presiedono: Walter Ganapini, Lorenzo Parlati

La delusione nucleare
Gianni Mattioli (Università di Roma)

Le diseconomie nucleari
Giuseppe Onufrio (Direttore delle campagne di Greenpeace Italia)

Il nucleare “sicuro” e il problema delle scorie radioattive
Massimo Scalia (Università di Roma)

Le alternative
Presiedono: Andrea Pinchera, Angelo Gentili

Dal monopolio all’energia distribuita
Federico Butera (Politecnico di Milano)

Efficienza e risparmio
Duccio Bianchi (Istituto Ambiente Italia)

Energie rinnovabili per un futuro sostenibile
Gianni Silvestrini (Kyoto Club - Politecnico di Milano)

Il sole e l’economia globale
Hermann Scheer (Presidente Eurosolar)



Articoli approssimativamente correlati

  • Roma - Legambiente, WWF, Greenpeace - Il nucleare non serve all’ Italia
  • Genova - Nucleare, alternativa energetica credibile?
  • Rai Uno - SuperQuark “Speciale Chernobyl”
  • Sondaggio “Demandi” su Chernobyl a 20 anni dall’ incidente
  • Greenpeace protesta a Vienna contro l’ IAEA
  • 4 Commenti a “ Greenpeace e Legambiente - Chernobyl venti anni dopo”

    1. Dimitri Artifoni scrive:

      Fra trenta o quaranta anni si riderà delle immaginifiche alternative al nucleare vantate dagli ecopacifisti nostrani. Questo all’estero (come in India dove si progettano 250000 MWe nucleari per il 2050), perché in Italia si piangerà . Gli “ambientalisti” sono i primi nemici dell’ambiente.

    2. Vincenzo Romanello scrive:

      Concordo in pieno. Purtroppo le persone ragionevoli nel nostro Paese già ne ridono (o forse sarebbe meglio dire ne piangono). E non credo proprio ci vorrano 30 o 40 anni, ma molto meno…

      Ing. Vincenzo Romanello

    3. Edoardo Malgarida scrive:

      Un Paese come il nostro che dipende totalmente dall’estero per i suoi fabbisogni, compriamo il 17% del nostro fabbisogno elettrico dall’estero, e per la “stragrandissima” maggioranza da fonte nucleare. Quale futuro sostenibilee senza nucleare? Lascio la risposta a Felice Ippolito:

      “Senza indipendenza energetica non c’è libertà . Queesta metanizzazione sfrenata ci porta ad essere schiavi. Se domani i fondamentalisti islamici interrompono il gasdotto dall’Algeri noi siamo col CULO A TERRA e se la Russia lo dovesse interrompere per qualche motivo interno noi siamo così”

      Come ben sappiamo questa profezia di Ippolito (morto nel 1997) si è avverata pochi mesi fa!!
      E’ dunque questo il nostro futuro sostenibile (gas, solare, eolico)?
      Al posto che fare convegni, tavole rotonde… uino l testa pr proporre VERE soluzioni!

      Ing. Edoardo Malgarida

    4. Edoardo Malgarida scrive:

      Un Paese come il nostro dipende totalmente dall’estero per i suoi fabbisogni: in più compriamo il 17% del nostro fabbisogno elettrico dall’estero, e per la “stragrandissima” maggioranza da fonte nucleare. Quale futuro sostenibile senza nucleare? Lascio la risposta a Felice Ippolito:

      “Senza indipendenza energetica non c’è libertà . Questa metanizzazione sfrenata ci porta ad essere schiavi. Se domani i fondamentalisti islamici interrompono il gasdotto dall’Algeria noi siamo col CULO A TERRA e se la Russia lo dovesse interrompere per qualche motivo interno noi siamo così”

      Come ben sappiamo questa profezia di Ippolito (morto nel 1997) si è avverata pochi mesi fa!!
      E’ dunque questo il nostro futuro sostenibile (gas, solare, eolico)?
      Al posto che fare convegni, tavole rotonde… usino la testa per proporre VERE soluzioni!

      Ing. Edoardo Malgarida

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.


    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali