Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



James Lovelock - energia nucleare per affrontare i cambiamenti climatici globali

10 Aprile 2006 di Amministratore

Su la rivista √Ę‚ā¨ŇďLe Scienze√Ę‚ā¨¬Ě di aprile c√Ę‚ā¨‚ĄĘ√ɬ® un articolo di che contiene un’ intervista a James Lovelock (ideatore dell’ ipotesi di Gaia, in base alla quale la Terra si comporta come un organismo vivente) secondo cui l’ energia nucleare √ɬ® una risorsa irrinunciabile per affrontare i cambiamenti climatici globali.

James Lovelock affema che le fonti di energia rinnovabili arriverebbero troppo tardi per rispondere alle richieste di energia sempre maggiore e non potranno garantire sufficiente elettricità .
Il nucleare diviene dunque una “medicina temporanea per garantire l’ energia necessaria al mantenimento della societ√É civile in vista dei cambiamenti climatici globali“.
Per fare ci√ɬ≤ si deve tener conto del parere dell’opinione pubblica, che comunque non √ɬ® immutabile ma anzi si pu√ɬ≤ far cambiare perch√ɬ® √ɬ® basata non tanto sul pericolo effettivo quanto sulla percezione del rischio. E fa un riferimento a Chernobyl, che avrebbe dato la spinta a queste paure, tuttavia secondo James Lovelock √ɬ® eccessivo parlare dell’ incidente di Chernobyl come una catastrofe perch√ɬ® in realt√É si sarebbe trattato di un “incidente industriale dalle proporzioni molto contenute, specialmente se paragonato con altri incidenti ben peggiori”.



Articoli approssimativamente correlati

  • Summit G8 - Il petrolio spinge il nucleare
  • Il posizionamento delle attivit√† di ricerca dell’ENEA nei settori dell’ energia, dell’ ambiente e delle nuove tecnologie
  • Gran Bretagna - nuove centrali nucleari in arrivo
  • Sky TG24 Pomeriggio - fabbisogno energetico italiano e cambiamenti climatici
  • ENEA - iniziative per la XVI Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica
  • 6 Commenti a “ James Lovelock - energia nucleare per affrontare i cambiamenti climatici globali”

    1. tommaso renda scrive:

      √ɬ® da tempo che sono d’accordo con quanto dice l’eminente scienziato james lovelock, purtroppo la percezione del pericolo delle persone,i grandi interessi che ruotano sul petrolio,la cecit√É e direi senza offesa alcuna,la stupidit√É di alcuni politici,ci han fatto demolire ben tre centrali nucleari,gi√É pagate da noi cittadini,non sovvenzionano idee come la comercializzazione di autovetture ad aria ,contrastano la tav il treno ad alta velocit√É ,che non inquina √ɬ® un trasporto pulito ,spero che i media i politici di buon senso i verdi con senso di giusta responsabilit√É si muovano si mettano in gioco mobilitino movimenti di persone per cambiare questa situazione by tommaso renda

    2. Edoardo scrive:

      Confermo ed approvo quanto ribadito da Giacomo.
      Sottolineo il fatto che i sig. Verdi ed pseudoambientalisti vari si oppongono anche alle fonti rinnovabili. Alcuni esempi: in Garfagnana, (Toscana Prov. di Lucca) da anni si tenta di far partire i lavori per l’avvio di una centrale a biomasse ma comitati con a capo questi geni si oppongono. Lo stesso dicasi per un parco eolico vicino a Scansano in provinci di Grosseto. Per non parlare di tutte le inutili proteste e bolge scatenate per non costruire uun termovalorizzatore nell’area Firenze Prato Pistoia (ove vivo). Ho focalizzato solo vicende della mia regione ma in tutta Italia assistamo ad atti di egoismo sociale (la famosa sindrome n.y.m.b.y).
      Gradirei raccontarti un episodio successo pi√ɬĻ di vent’anni fa a Campi bisenzio (FI). Nella zona, vicino alla A11 Firenze Mare c’era un inceneritore. Ambientalisti di vario genere e colore fomentarono il paese contro l’impianto, causa: tracce di diossina nell’atmosfera…
      Dopo dibattiti, discussioni e scontri l’impianto fu chiuso. Per i tre anni conseguenti alla chiusura, l’Asl continu√ɬ≤ ad effettuare rilievi nella zona… Risultato: la diossina c’era ancora proprio perch√ɬ® questa proveniva dall’autostrada e non dall’inceneritore!….

    3. marco scrive:

      Scrivo solo per dare voce al problema energetico, di cui forse gran parte della gente ha un’idea approssimativa, e per evidenziarne un altro, ossia il conflitto che spesso si crea schieramenti di ambientalisti contrapposti, in questo caso pro o contro il nucleare. Eolico e solare, solo per citarne alcune, sono fonti energetiche a mio parere non sufficienti a supportare una domanda di energia finora sempre in aumento, mi sembrano UNA alternativa, non LA energia alternativa, quella che andr√É , spero presto, a sostituire le nostre “modernissime” centrali a carbone. Con questo non voglio dire che il nucleare sia l’UNICA possibilit√É di salvezza per il pianeta (il tutto deve essere supportato dalle suddette fonti naturali in grado cos√ɬ¨ di svilupparsi meglio) ma forse la sola che possa, adesso, fare la concorrenza, e la differenza. Tra gente che discute del problema viene spesso fuori che pi√ɬĻ che la paura di incidenti catastrofici sia un vero problema lo smaltimento dei rifiuti tossici, cui non so rispondermi se e come avvenga. Ma come dice il professore si tratta di “una medicina temporanea” necessaria affinch√ɬ® l’alternativa condivisa non resti l’inerzia.
      Sul sito web di Greenpeace Italia, nonostante uno dei fondatori, Patrick Moore di G. abbia detto s√ɬ¨ al nucleare, questa ipotesi resta tra le peggiori, a causa delle scorie, e si spinge invece su eolico e solare, che entro il 2050 POTREBBERO coprire il 20% del fabbisogno energetico mondiale… un p√ɬ≤ pochino vista l’emergenza, no? Ma soprattutto il restante 80%?

    4. Edoardo scrive:

      Per Marco:

      a proposito di stoccaggio di scorie ti consiglio di leggere il testo sul link:

      www2.ing.unipi.it/~d0728/GCIR/La%20sistemazione%20in%20sicur...

    5. Cèsar Augusto, Màrquez Cobos scrive:

      La nostra tesi:
      La terra, le foreste primarie, il mare e l’atmosfera terrestre; (coadiuvati dal sole) formano un complesso e delicato meccanismo vivente, la cui struttura ed elementi di base; costituiscono, la pietra miliare essenziale per l’equilibrio della vita; il suo meccanismo si pu√≤ paragonare a quello del corpo Umano; nel quale se venissero a mancare, elementi di base nella sua struttura; per esempio: I polmoni. Cosa succederebbe ?.
      Nostra, Teoria:
      “Il deterioramento climatico globale e lo scioglimento dei ghiacciai, camminano a pari passo e sono direttamente proporzionali alla sparizione delle Foreste Primarie”. Pi√Ļ dettagli da comunicare direttamente al Prof. James Lovelock.

    6. Edoardo scrive:

      Il prof. James Lovelock si √® infatti pronunciato a favore del nucleare. Essendo una fonte ad emissioni zero ed essendo il problema delle scorie solo politico e non tecnico, non vedo perch√® un certo ambientalismo italiano, si scheri contro l’uso dell’atomo.
      Non si pu√≤ opporre l’ideologia con la scienza….

    Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    ‚ÄúStriscia la Notizia‚ÄĚ - querelle sul nucleare 2

    alessandro ha scritto per ultimo un intervento in:
    I rifugi antiatomici (sesta parte)

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Gli "stranded costs" che pesano sulle bollette della luce e l' uscita dal nucleare

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Authority energia - Il costo dei combustibili e il peso degli oneri di sistema

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    Vincenzo Romanello ha scritto per ultimo un intervento in:
    Il caso di Oklo - Può la fissione nucleare essere un fenomeno naturale?

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Le scorie nucleari del passato programma nucleare italiano - una bomba ad orologeria da disinnescare



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali