Home  |  Contatti  |  Chi siamo  |  Newsletter  |  Mappa del sito  |  Archivio Cronologico Generale  |  Forum  | :   |



Paolo Fornaciari - i reali obiettivi dell’ Enel nella scalata alla francese Suez

30 Marzo 2006 di Amministratore

Un articolo interessante su “L’opinione” del 24 marzo a firma di Paolo Fornaciari descrive quali possano essere i reali obiettivi e intenzioni dell’ Enel nella scalata alla francese “Suez”. Enel avrebbe interesse di poter arrivare alla “Electrabel”, società elettrica belga controllata proprio dalla francese “Suez”.

La “Electrabel” possiede tra l’altro: riserve di gas nel mare del Nord, 7 centrali nucleari in territorio belga con reattori tipo Pwr (potenza complessiva di 5761 MWe) che sono entrati in funzione tra il 1974 e il 1985 ed una partecipazione in due centrali nucleari francesi (Civaux e Tricastin).
Se l’operazione andasse in porto, il costo complessivo a carico dell’ Enel sarebbe di oltre 47 miliardi di euro.
Da qui prende spunto una domanda di Paolo Fornaciari: a cosa mira l’Enel? Utilizzare la liquidità derivata anche dalla vendita di Wind? Oppure assicurarsi importazioni di gas e di energia elettro-nucleare?
In entrambi i casi Paolo Fornaciari ritiene che questa operazione non avrebbe un importante riflesso sugli utenti elettrici nazionali, bensì sarebbe principalmente a favore dell’ Enel stessa e dei suoi azionisti (compreso il Ministero dell’ Economia)
Paolo Fornaciari ritiene che sarebbe il caso, prima di espandersi all’ estero, di cercare di risolvere i problemi interni italiani legati al rischio di black-out e al “caro energia”. Ecco perchè secondo sempre lo stesso Fornaciari un’ idea alternativa sarebbe di rivolgersi alla giapponese Toshiba (che tra l’ altro ha di recente acquistato la Westinghouse dalla Bnfl) per riavviare le centrali nucleari italiane dismesse e a costruire nuove centrali nucleari ad acqua bollente ed in pressione sui cinque siti a suo tempo autorizzati: il tutto con un investimento inferiore della metà dei 50 miliardi di euro previsti per la scalata alla Suez.
Attraverso questa mossa inoltre, anzichè cercare di poter essere inseriti nel progetto francese Epr, sarebbe la stessa Areva ad offrire a costi competitivi centrali nucleari Epr da costruire in Italia.



Articoli approssimativamente correlati

  • Suez vuol costuire un reattore EPR in Francia
  • Areva, Suez e Total assieme per il nucleare negli Emirati Arabi Uniti
  • Il combustibile nucleare italiano va in Francia?
  • Francia - al via il secondo reattore EPR e forse anche un terzo EPR
  • Accordo tra Enel e Edf - è quasi fatto
  • Scrivi un commento




    Avvertenza - i commenti sono sottoposti a un sistema automatico di moderazione e di solito sono pubblicati subito. ma se il tuo commento non dovesse apparire immediatamente, vuol dire che il commento richiede una moderazione manuale per essere visualizzato. Se dopo 2-3 giorni il tuo commento continua a non essere visualizzato, puoi provare a contattarci via mail per segnalare il problema. grazie.













    Archivio Nucleare rientra nel progetto Zona Nucleare

    Cerchiamo collaboratori che abbiano conoscenze in ambito "nucleare" e "radioprotezione" per motivi di studio o lavoro

    Hai una notizia che ritieni degna di attenzione? Contattaci










    Archivio Nucleare

    Commenti Recenti


    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Le scorie nucleari del passato programma nucleare italiano - una bomba ad orologeria da disinnescare

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Bufale nucleari - dopo Fukushima, le risposte alle domande più frequenti sull' energia nucleare

    Edoardo ha scritto per ultimo un intervento in:
    Roma - Seminario internazionale sulla bonifica dei siti nucleari e la gestione dei rifiuti radioattivi

    Fernando ha scritto per ultimo un intervento in:
    Una ricerca italiana: le reazioni piezonucleari da pressione ultrasonica

    Pietruccio ha scritto per ultimo un intervento in:
    Cenni sulle caratteristiche tecniche dei reattori BWR e sull' incidente nucleare di Fukushima-Daiichi-1

    Renzo Riva ha scritto per ultimo un intervento in:
    Riva del Garda - Atomi Per La Pace - Costi energetivi ed ambiente, quale futuro per l'industria italiana?

    Don Peppone ha scritto per ultimo un intervento in:
    GSE - mix energetico per gli anni 2011-2012

    AleD ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - addio al nucleare in 30 anni

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Toshiba presenta robot per bonificare Fukushima

    Luigi Filippo von Mehlem ha scritto per ultimo un intervento in:
    Giappone - ripensamenti sull' abbandono del nucleare?



    Zona Nucleare
    Home | Glossario | Cerca









    online dal 9 Settembre 2005 :: Disclaimer - Copyleft :: Privacy :: visitatori totali